Connect with us

Ambiente

Acqua rara e preziosa: abbattere gli sprechi

Collaboratori occasionali

Pubblicato

il

Come risparmiare per consumarla con più consapevolezza

di Irene Morabito

L’acqua è uno dei beni più preziosi e vitali, può sembrare una risorsa rinnovabile perché ritorna con le piogge, ma la quantità di acqua dolce disponibile sul pianeta diminuisce ogni anno.

Il consumo globale dell’acqua è cresciuto del 600% in un secolo. Il Cnr-Irsa, Istituto di ricerca sulle acque Consiglio Nazionale delle Ricerche, ha diramato l’allarme in occasione della Giornata Mondiale dell’acqua che si è celebrata il 22 marzo 2018. L’edizione del 2018 è stata dedicata al tema “Nature for Water”. La percentuale del pianeta Terra ricoperta d’acqua è del 71% di cui il 97% è costituito dagli oceani, il 2,1% si trova nei ghiacciai e nelle calotte polari e solo lo 0,65% si trova nei laghi, nei fiumi, nelle falde acquifere sotterranee e nell’atmosfera.

L’acqua non è distribuita in modo equo sulla terra: oltre un miliardo di persone non hanno accesso all’acqua potabile mentre, per quanto riguarda i paesi più economicamente agiati e industrializzati, il consumo è eccessivo. Inoltre, in generale, le attività umane, l’utilizzo irresponsabile, la restituzione ai corpi idrici delle acque con sostanze tossiche e rifiuti ed altro, incidono dal punto di vista e quantitativo e qualitativo.

Il territorio italiano ha a disposizione circa 7.841 corpi idrici superficiali significativi, detti anche acque pubbliche e come tali tutelati, 534 grandi invasi dei quali 89, in parte costruiti o del tutto realizzati, non sono mai entrati in funzione e circa 8000 piccoli invasi che soffrono in condizioni di siccità e, quindi, proprio quando c’è più necessità di acqua non sono in grado di svolgere la loro funzione. Il Cnr-Irsa indica una serie di soluzioni rivolte alla ecosostenibilità, avendo presente che il cambiamento climatico ha accelerato in maniera significativa il trend già descritto.

Tra le macro soluzioni indica: tutela, conservazione, riutilizzo delle risorse idriche facendo in modo di ridurre il rischio di inondazioni, siccità e inquinamento.

La gestione consapevole e responsabile implica l’inizio di un nuovo percorso mentale rivolto al risparmio dell’acqua non solo al fine del risparmio economico, ma anche al supporto e aiuto al pianeta e all’ambiente.

Purtroppo sono molto frequenti le occasioni quotidiane dove lo spreco è presente: ad esempio riguardo le pulizie di casa, l’igiene personale e un generale utilizzo maggiore rispetto a quanto dovrebbe realmente servire.

Accorgimenti per ridurre gli sprechi
      • In bagno tenere aperto il rubinetto solo per il tempo necessario: dopo essersi insaponato il viso o le mani, dopo aver spazzolato i denti, per sciacquare il rasoio dopo l’utilizzo etc.
      • Applicare un riduttore di flusso ai rubinetti di casa: l’acqua si miscela con l’aria consentendo di risparmiare fino al 30% di acqua, senza accorgersene.
      • Scegliere gli elettrodomestici di classe A+ progettati per ridurre il consumo dell’acqua (oltre a quello dell’energia elettrica) ed effettuare i lavaggi in lavastoviglie e lavatrice solo a pieno carico e pulire periodicamente il filtro dell’elettrodomestico.
      • Lavare piatti, verdura, frutta, in una bacinella e utilizzare l’acqua corrente solo per il risciacquo. Inoltre l’acqua di cottura di pasta e patate è molto sgrassante.
      • Riutilizzare, riciclare l’acqua: quella che viene fatta scorrere mentre si aspetta che venga calda, quella che viene utilizzata per bollire o sciacquare frutta o verdure. Anche quest’acqua è preziosa e può essere utilizzata per annaffiare le piante o per lavare o sciacquare verdure o altri oggetti presenti in cucina.
      • Annaffiare le piante la sera: dopo il tramonto evapora più lentamente. Scegliere il getto vaporizzato.
      • Raccogliere e riutilizzare l’acqua piovana e quella dei climatizzatori per usi non potabili: ad esempio per annaffiare il giardino, le piante, o per lavare la macchina.
Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Giornata mondiale delle api

Il ruolo fondamentale delle api per la nostra sopravvivenza è in forte rischio

Collaboratori occasionali

Pubblicato

il

di Irene Morabito

Oggi è la giornata mondiale dedicata alle api, istituita dall’Onu per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della loro salvaguardia

Le api hanno un ruolo fondamentale per il mantenimento della biodiversità e per la conservazione della natura. Appunto in natura ogni animale e pianta assume una funzione importante per la conservazione dell’equilibrio dell’ecosistema a cui appartiene. Tra gli insetti impollinatori le api, trasportando il polline da un fiore all’altro, permettono lo sviluppo dei frutti e garantiscono la presenza di specie vegetali diverse fra loro, fattore essenziale per la salute della natura. Il contributo all’equilibrio della biodiversità è garantito dalla presenza di numerose specie di api diverse e in particolare dalle poco conosciute api selvatiche solitarie.

Le api contribuiscono per il 70% all’impollinazione di tutte le specie vegetali viventi sul pianeta e, quindi, al 35% della produzione di cibo a livello globale. L’84% delle specie vegetali coltivate nell’Unione Europea e gran parte della verdura e della frutta consumata, dipende dal lavoro delle api. 

L’aumento dell’inquinamento, l’uso di pesticidi e il cambiamento climatico sta mettendo in grave pericolo la vita di questi splendidi insetti. Il motivo per cui è stata dedicata loro una giornata mondiale, manifesta il notevole allarme per la loro sopravvivenza e l’inizio dell’azione per la loro salvaguardia. La loro mancanza diminuirebbe la biodiversità e porterebbe a un grave impoverimento botanico. La carenza dell’impollinazione produrrebbe conseguenze nefaste e devastanti sulla produzione alimentare. Basti pensare che la produzione agricola europea, grazie agli impollinatori, vale 15 miliardi di euro all’anno e che l’impollinazione artificiale è molto lenta e costosa.

Gli apicoltori purtroppo riscontrano di anno in anno la riduzione delle loro produzioni di miele e di arnie. Le api muoiono continuamente a causa dei pesticidi usati in agricoltura a base di neonicoitinoidi che fanno perdere l’orientamento alle api bottinatrici e impediscono loro di fare ritorno negli alveari.

Come possiamo agire per frenare questo futuro desolante? Innanzitutto essere coscienti che il problema è presente e peggiorerà se non facciamo subito qualcosa. Occorre stimolare le iniziative che promuovano l’agricoltura sostenibile, eliminando o riducendo le sostanze chimiche responsabili di danni all’ecosistema. Nel nostro piccolo possiamo rispettare ed amare questi preziosi insetti e non averne paura. Non si tratta di animali aggressivi, le api ricorrono a una puntura di difesa, per altro a loro fatale, solo nel caso in cui venissero aggredite. Dal momento che sono innocue, non bisogna utilizzare spray che risultano essere dannosi per noi e per l’ambiente. Nel caso si trovasse un nido di api, dato che la legge vieta l’uccisione di questi insetti, occorre chiamare un apicoltore di zona che si occupi di spostare in un luogo sicuro l’alveare.

L’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) di quest’anno “Save Bees and Farmers! Verso un’agricoltura favorevole alle api per un ambiente sano” è una proposta di direttiva europea popolare e verrà presentata al Parlamento Europeo se dovesse raggiungere un milione di firme in almeno 7 Paesi dell’UE. Le richieste di questa iniziativa sono rivolte all’eliminazione dei pesticidi di sintesi dai campi entro il 2035 e a riportare a uno stato di funzionalità gli ecosistemi naturali nelle aree agricole, in modo da rendere l’agricoltura parte trainante del recupero della biodiversità.

L’ICE è promossa e sostenuta da circa 70 soggetti a livello europeo: associazioni di agricoltori, istituzioni scientifiche, movimenti di cittadini e Ong ambientaliste tra cui Pesticide Action Network (Pan) Europe e Friends of the Earth.

“L’obiettivo della raccolta di firme è di cambiare il modello agricolo e scegliere l’agroecologia di cui biologico e biodinamico sono gli esempi concreti più diffusi – aggiunge la Mammuccini, presidente di Federbio – Le api sono vere e proprie sentinelle dell’inquinamento ambientale: se le salviamo, salviamo anche la salute dei cittadini e di chi lavora la terra. Le molteplici crisi che stiamo attraversando a livello globale, da quella ambientale e climatica a quella sanitaria, sono facce della stessa medaglia, conseguenza in gran parte del nostro impatto sugli ecosistemi naturali che ci sta portando ad un’emergenza dietro l’altra. È urgente puntare al recupero degli ecosistemi e a superare un modello intensivo basato sull’uso dei pesticidi che mettono a rischio la sopravvivenza delle api e di tante altre specie. È questa la sfida principale per il futuro, e la recente costituzione di una rete europea dei centri di ricerca per un’agricoltura senza pesticidi è il segno più evidente che innovazione e ricerca stanno andando in questa direzione”.

Firma la petizione: https://www.savebeesandfarmers.eu/eng

Video da non perdere per capire quanto siano importanti le api per noi: https://www.youtube.com/watch?v=hdJNWjeyuBQ&feature=emb_logo

Continua la lettura

Ambiente

LA CITTA’ RESILIENTE: DA AVVERSITA’ A RISORSA

Aree verdi e gestione delle acque come risposta ai cambiamenti climatici

Collaboratori occasionali

Pubblicato

il

Scritto da Lisetta Russo

Resiliente, dal latino resiliens-entis part. pres. di “resiliere”, rimbalzare, saltare indietro.

Un termine che ha mutato il suo valore nel corso del tempo. Inizialmente poco noto ed utilizzato, assume poi un valore unicamente in ambito tecnico, andando a definire la capacità di un materiale di resistere senza rompersi.

Bisogna arrivare al secondo decennio del nuovo millennio per assistere alla reinterpretazione e ricontestualizzazione del termine resilienza, quando entra in contatto con il lessico comune, con il significato di adattarsi al cambiamento, saper convivere con e superare eventi di shock o stress costanti.

Nella cultura attuale quindi, la resilienza assume valore in molteplici contesti, come ad esempio quello urbano. La resilienza della città. Che portata ha questo concetto? E perché è importante?

Avversità e conseguenze

Le città occupano meno del 3% della superficie globale, ma più del 50% della popolazione mondiale vive oggi in contesti urbani, e, soprattutto, le città sono responsabili del 75% dell’emissione dei gas serra.

È previsto un incremento del riscaldamento globale superiore a 1,5°C, limite oltre il quale i danni causati al sistema terrestre saranno di natura irreversibile. Gli effetti del cambiamento climatico sono sempre più evidenti e si manifestano in forme di diversa natura in ogni macro ed eco sistema.

Le minacce si stanno concretizzando e in ambito urbano si manifestano con ondate e isole di calore, periodi di siccità alternati a piogge sempre più violente, innalzamento del livello del mare e perdita della biodiversità vegetale ed animale. Ognuno di questi fenomeni, sommato a quelli più evidenti in contesti come gli oceani e le regioni tropicali ha indubbie ripercussioni nelle città anche dal punto di vista economico e sanitario.

Vogliamo intendere il termine città con il significato di insieme di relazioni economiche, sociali ed infrastrutturali in stretto legame tra loro e con il territorio su cui insistono.

Ne deriva che è proprio nelle città che emerge e si sviluppa il maggior numero di problematiche economiche, sociali ed ambientali ed è quindi nelle città, che si devono riconsiderare i concetti di vivibilità, durabilità e, soprattutto, sostenibilità.

Le città, per loro natura, combattono con cambiamenti continui ed eventi imprevedibili, ai quali devono inevitabilmente adattarsi al fine di sopravvivere loro stesse e garantire allo stesso tempo un vivere di qualità agli individui che le abitano.

La resilienza urbana ha un grande potere su questi continui cambiamenti. È essenziale perciò sviluppare la capacità, insita in ogni sistema urbano, di ridurre i rischi e i danni derivanti da essi, sfruttandone le possibili risorse.

Elementi della città resiliente

Gli aspetti su cui si può agire direttamente per attuare un processo di resilienza urbana sono quelli racchiusi nei così detti sistema verde e sistema blu.

Il sistema verde comprende tutti gli elementi naturali e vegetali atti a ricostituire uno sviluppo omogeno del verde su tutto il territorio urbano. Infrastrutture lineari e puntuali che giocano un ruolo fondamentale nella trasformazione in superfici permeabili e naturali, di tutte quelle aree che, fino ad oggi, sono state sviluppate come spazi cementificati ed impermeabili; e che lasciavano al verde una mera funzione decorativa o peggio riempitiva.

Il sistema blu comprende tutte quelle soluzioni tecnologiche e naturali utili a gestire in maniera ottimale la parte idraulica presente nella città.

Questo tipo di sistemi, che possono essere identificati come rain gardens, bioswales o ancora, piazze inondabili rappresentano la soluzione possibile per gestire e con­trollare le grandi quantità d’acqua piovana provenienti principalmente dai tetti degli edifici, dalle sedi stradali e dalle grandi aree pavimentate.

Inoltre, contribuiscono notevolmente alla riduzione dell’inquinamento idrico intercettando e trattenendo l’acqua piovana di ru­scellamento e deflusso urbano, riducendo il cosiddetto effetto “runoff” e permettendo un filtraggio e una depurazione del tutto naturale dell’acqua raccolta, oltreché un suo rallentamento nell’af­flusso alle falde acquifere e ai corsi d’acqua, tale da ridurre la possibilità di fenomeni alluvionali a valle.

L’acqua penetra lentamente nel suolo, e venendo filtrata viene consegnata all’impian­to fognario in maniera meno inquinata, meno veloce e con un flusso costante, in modo da non alterare il regolare funzionamento dell’impianto stesso.

Questi innovativi sistemi risultano essere anche un valido modo per riqualificare e mi­gliorare esteticamente gli spazi pubblici e privati, creando paesaggio e biodiversità.

Inoltre, se collegati ad un sistema di accumulo e conservazione delle acque meteoriche filtrate, permettono di ottenere un ottimo risparmio idrico derivante dal riutilizzo delle stesse.

Bisogna quindi avvalersi di e condividere processi, piani politici e progetti a scala territoriale ed internazionale, obiettivo già avviato nell’aprile 2013 da parte della Commissione Europea con la pubblicazione della prima Strategia di Adattamento ai Cambiamenti Climatici sulla piattaforma “Climate ADAPT”.

Rendere una città resiliente significa allora renderla immune e capace di convivere con gli eventi estremi e i fenomeni costanti a cui è sottoposta ed è evidente come per contrastare questo fenomeno innescato sia indispensabile la cooperazione di più settori e la combinazione di strategie diverse.

per gentile concessione di https://www.archi-blog.it/ 

Continua la lettura

Ambiente

La sfida ambientale entra nella vita di tutti i giorni

Auto elettriche, ibride e monopattini elettrici entrano nel paniere Istat per la rilevazione dei prezzi al consumo

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

La sfida ambientale entra nella vita delle famiglie italiane. Anche dalla porta dell’economia domestica, quella del cosiddetto Paniere Istat, nome rassicurante per un sistema che controlla i nostri consumi.

Sfida ambientale perché da quest’anno auto elettriche, ibride e monopattini elettrici sono entrati a far parte dei prodotti che compongono, appunto, il paniere Istat di riferimento per la rilevazione dei prezzi al consumo. 

Rispetto allo scorso anno, il settore trasporti guadagna 0,5 punti percentuali: un segno di come la  mobilità stia cambiando e di come, i costi di uno dei principali protagonisti della nostra vita quotidiana, incidano sui bilanci delle famiglie italiane.

Secondo le statistiche Aci, nel 2019, le prime iscrizioni di autovetture ibride, cioè benzina+elettrico o gasolio+elettrico, hanno registrato un incremento del 33%.

Le elettriche pure, invece, pur rappresentando ancora una motorizzazione di nicchia, sono più che raddoppiate: + 115%, da circa cinquemila a quasi undicimila. Il monopattino elettrico, intanto, si sta diffondendo rapidamente in molte città italiane.

Nel complesso, lo scorso anno, elettrico puro e ibrido hanno rappresentato il 5% del mercato italiano – erano il 3,7% nel 2018 – con un incremento di 1,3 punti percentuali a scapito delle motorizzazioni tradizionali.

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti