Connect with us

Cultura

Semplicemente: “Dentro”

Libro esordio di Sandro Bonvissuto. Essenziale, illuminante, radicato nella vita. Ora disponibile anche nella versione audiolibro

Mario Russo

Pubblicato

il

Ci sono libri che quando li chiudi continuano a parlarti. Libri che mentre li leggi ti danno l’impressione di sfogliare le pagine che hai “dentro”.

È quello che accade con il testo di Sandro Bonvissuto che s’intitola, appunto, “Dentro”.

Edito da Einaudi nel 2012. Proposto come lettura in molte scuole si è meritato un posto di rilievo tra i migliori libri degli ultimi anni. Un testo assolutamente attuale e ancora apprezzato tanto che Einaudi lo ripropone nella versione audiolibro.

“Dentro”, un titolo ambivalente, addirittura ambiguo, come lo definisce lo stesso autore che abbiamo incontrato nelle fasi di registrazione dell’audiolibro (guarda la video-intervista). Sicuramente una scelta editoriale azzeccata. Se è vero, infatti, che il riferimento principale del titolo del libro è al primo episodio in cui il protagonista viene portato “Dentro” un penitenziario, è altrettanto vero che il “Dentro” dei tre episodi proposti fa riferimento all’interiorità.

Il testo, come si legge nella quarta di copertina, si propone come un viaggio nell’esistenza di un uomo raccontata a ritroso, dall’età adulta all’infanzia: l’esperienza del carcere, la nascita casuale di una grande amicizia, il giorno in cui, imparando ad andare in bicicletta, scopre all’improvviso com’è fatto suo padre”. Momenti capitali della sua vita raccontati nei tre episodi che compongono il libro.

Fin dalle prime pagine è come se l’autore ti prendesse per mano e ti portasse con sé. È come se su quell’auto che sfreccia nella notte verso quel “Dentro” ci fossi anche tu.

Una scrittura semplice, lineare. Un linguaggio spontaneo, quasi istintivo. Brevi ma forti pennellate che trasmettono “idee” lasciando al lettore lo spazio per riempirle di senso.

Salito su quell’auto non conosci il nome del protagonista che ti accompagna, né verso quale penitenziario si va; tanto meno per quale reato, commesso o non commesso. Ma sono proprio questi gli ingredienti che fanno di questa storia la storia di chiunque.

È come provare in prima persona le esperienze del protagonista. Sei lì a percepirne la tensione, a guardare le crepe del soffitto, a convivere con la puzza di fogna e il sudiciume per terra, a stendere il bucato alla luce della luna, a farti ossessionare dal tintinnio delle chiavi dei secondini…miraggio assordante della tua libertà perduta. L’autore non ti racconta semplicemente il carcere, non te lo descrive: ti ci chiude “Dentro”. È come vivere, per un momento, in quel luogo dove il tempo sembra essersi fermato. È come subire sulla tua pelle la vera punizione inflitta ai detenuti: l’infinito tempo e il niente spazio.

Il tempo è la pena di che è in carcere. «Fuori magari. C’era poco tempo ma tanto spazio. Lì invece (“Dentro”) era il contrario. C’era tanto tempo ma poco spazio».

È sorprendente come dal punto di vista del “Dentro” le cose assumono un significato diverso come il muro, ad esempio, che diventa «il più spaventoso strumento di violenza esistente». Il muro – si legge – «non si è mai evoluto, perché è nato già perfetto […] non è fatto per agire sul tuo corpo: se non lo tocchi tu, lui non ti tocca. Perché il muro è concepito per agire sulla coscienza. Non è una cosa che fa male è un’idea che fa male. Ti distrugge senza nemmeno sfiorarti».

Il titolo di questo episodio, secondo qualcuno, avrebbe dovuto essere proprio “Dentro”. Ma sarebbe stato un grandissimo errore, il libro ne avrebbe perso in unitarietà. Confermo, quindi, l’ottima scelta editoriale. L’episodio s’intitola, invece, “Il giardino delle arance amare”. Titolo legato alla riflessione dell’autore sul senso del carcere.

«Nel giardino davanti a casa mia c’è un albero di arance amare. Mi ero sempre chiesto a cosa servissero, perché non sono buone da mangiare. Qualcuno ci fa la marmellata, ma quella di ciliegie o di albicocche è sicuramente più buona. Queste arance stanno lì sull’albero, poi cadono per terra. Non servono a niente. Eppure esistono». 

Giardino delle arance amare che ritorna alla mente dell’autore proprio mentre lascia il penitenziario.

Il secondo episodio, “Il mio compagno di banco”, ci porta nel periodo dell’adolescenza; sui banchi di scuola, appunto. Il filo conduttore è l’amicizia tra due adolescenti che il “caso” fa sedere nello stesso banco, chissà perché fatto per due, il primo giorno di scuola.

«Ecco dunque chi era a decidere con chi avrei spartito il posto: il caso».

Anche in questo episodio, fatti, situazioni, cose, disegnati a piccoli tratti, colorati con brevi pennellate sono gli elementi che ti portano “Dentro”.

E allora ecco la tua scuola, il tuo compagno, la tua compagna, le tue ansie, l’odore dei libri.

«Fu lui a chiedermi se dovessimo davvero andarcene anche noi ognuno per conto proprio oppure tornare a casa insieme. Per strada ci trovammo a camminare vicini e paralleli, come fossimo ancora seduti in classe».

«Potevamo scollare uno a uno i fascicoli delle pagine e poi spartirceli in modo che il libro sarebbe stato completo solo quando eravamo insieme. Andò proprio così».

«Il nostro posto era l’ultimo della fila centrale. E non cambiò mai, perché era una città stato, e gli stati non si spostano».

Ancora una volta Bonvissuto ti prende per mano e riecco quei giorni in cui tutto sembrava “per sempre” eppure, inesorabilmente, ci si è persi.

«Oggi lo aspetto in questa piccola stazione ferroviaria […] Non tarderà. Non può resistere all’idea che io stia seduto qui senza di lui».

Ed eccoci, in questo viaggio a ritroso, al terzo episodio, all’infanzia dove, secondo alcune teorie, tutto comincia o tutto ritorna. Ansie, paure, scoperte, conquiste. Cose che bisogna provare, prove che bisogna affrontare, per “crescere”.

«Il giorno in cui mio padre mi ha insegnato ad andare in bicicletta – titolo dell’episodio – c’era ovunque una luce accecante. Il cielo era di un colore che non ho mai più visto; era molto più alto di adesso, ti accarezzava appena».   

Tutto si svolge in una calda giornata d’estate eppure, tra detto e non detto, tra raccontato e sottinteso, quello che ci si apre è l’infanzia intera. È come se il tempo si dilatasse, quasi sparisse. Ancora una volta il protagonista è chiunque; il tempo e lo spazio qualunque. Qui, a mio avviso, in alcuni punti le pennellate diventano quasi spatolate, capaci di graffiare.

«Quella mattina, però, c’era un gran silenzio. […] Mi sembrava impossibile che non mi avessero aspettato. Poi, qualcuno dei grandi mi fece segno che gli altri se n’erano effettivamente già andati. Mi misi a correre. Era troppo assurdo che se ne fossero andati senza di me. Li raggiunsi. Spingevano le loro biciclette sulla sabbia, verso la strada».

[…]

– Va bene allora vengo anch’io, – dissi al mio amico.

[…]

 – No, – rispose.

– Perché?

– Primo perché siamo in troppi, e secondo perché non sai andare in bicicletta.

«Non erano in troppi. Erano in due». La prima era una scusa.

«Invece il fatto che non sapessi andare in bicicletta mi parve subito una cosa dolorosamente vera».

[…]

«I miei due amici spinsero le biciclette sulla sabbia fino alla strada di terra battuta. La imboccarono e se ne andarono così, senza che nessuno di noi dicesse altro».

Ora è solo e non c’è soluzione. Non è all’altezza della situazione. “Se il tutto è ricomposto nello scenario del bambino in quel momento – afferma Bonvissuto nel nostro incontro a proposito di questo episodio – lo vediamo precipitare in maniera paurosamente triste in una botola esistenziale”.

«Essere lasciato solo da due persone è peggio che essere abbandonato da centomila; una moltitudine che ti scansa fa già di te forse un profeta, mentre due persone che se ne vanno lasciandoti solo ti riducono in un istante al più miserabile degli umani».

Che sia la bicicletta o qualunque altra cosa, qualunque altra circostanza, in quante botole siamo caduti per crescere? Senza accorgertene ti ritrovi a scoperchiarle una per una: quella in cui eri solo, quella in cui ti sei sentito tradito, quella in cui ti sei sentito incapace…

– Che hai? – chiese il mio amico.

– Niente… – risposi.

«Non era vero. Eppure nessuno, me compreso, pareva rendersi conto di quanto mi stesse accadendo.

– Guarda che non è colpa nostra se non sei potuto venire.

– Ci potevamo andare a piedi.

– In bici è meglio. Non è colpa nostra se tu non ci sai andare, – ribatté l’altro.

«Era vero; non era colpa loro. Però in un certo senso non era nemmeno colpa mia. Non avevo mai scelto di non saperlo fare. Non c’era mai stato un giorno nel quale mi avessero offerto la possibilità di cambiare quello stato di cose e io non avessi acconsentito. Tutti avevano ragione, me compreso».

– E ora che faccio? – pensai ad alta voce.

– Puoi sempre imparare… – disse la bambina.

È il momento della scelta: “si può fare”! Posso anch’IO! Ma come? E affidandosi a chi?

 – Papà… – gli chiesi.

– Dimmi.

– Devi insegnarmi ad andare in bicicletta. Adesso, – e lo guardai fisso negli occhi.

«All’improvviso ascoltavo le mie parole. Ed erano parole che desideravo dire da tanto tempo, che forse custodivo da qualche parte».

«Mi strizzò l’occhio, facendo un cenno con la testa come a dire: «Andiamo».

È il momento della svolta, il momento di crescere che diventa anche l’occasione per scoprire, all’improvviso, com’è fatto suo padre.

– Ma papà…

– Non devi aver paura, non è la morte l’avversario della vita, ma il tempo. Ricordatelo.

– Va bene. Dimmi solo che devo fare.

– Non lo so figliolo, nessuno lo sa.

– Pensi che ce la farò?

– Diciamo che è probabile, ma non è sicuro.

– Mi aiuterai?

– Non posso, la solitudine è una condizione indispensabile.

– E che farai?

– Sarò qui e sarò testimone dell’incredibile.

Dalla frustrazione alla sfida, dalla sfida alla paura, dalla paura alla libertà.

«Il mondo mi veniva incontro a una velocità che non avevo mai conosciuto. […] Stavo entrando in qualcosa che mi accoglieva. Le cose che avevo visto solo allineate davanti a me ora scorrevano alla mia destra o alla mia sinistra. Si sfrangiavano in presenze laterali. E poi sparivano alle mie spalle».

Ce l’ho fatta! IO ce l’ho fatta! Sono “cresciuto”. Nella vita di ognuno spesso basta una sola piccola grande conquista per cancellare l’amarezza di tante sconfitte.

In fondo è un episodio qualunque, dicevamo, che si svolge in un luogo qualunque, che coinvolge un bambino qualunque ma capace, nei suoi chiaro-scuri, di graffiarti, di arrivarti “Dentro”. Tanto “Dentro” da sembrare, sotto sotto, di essere cresciuto un pochino anche tu.

«Non è vero che si cresce lentamente e armoniosamente, si cresce tutto insieme. In un giorno. In un’ora. Questa è la storia. Infine imparai dunque ad andare in bicicletta. È stato mio padre a insegnarmi. Era d’estate, e non avrebbe potuto essere altrimenti».

È con queste parole che si chiudono episodio e libro.

“L’esistenza di un uomo raccontata a ritroso, dall’età adulta all’infanzia, attraverso tre momenti capitali della sua vita” – dicevamo all’inizio citando la quarta di copertina. Ma “Dentro”, a mio avviso, è molto di più: è la storia di quella identità forse raggiunta, ma mai del tutto definita. L’odissea di quella identità che spesso abbiamo la sensazione di smarrire fagocitati dal fare, dal tempo che ci sfugge, che scorre inesorabile, che “Dentro”, invece, assume la forma originaria dell’alternarsi del giorno e della notte:

«Le ore erano un’unità di misura che non aveva senso lì. Come anche i minuti, le settimane, i mesi, o gli anni. Lì dentro contavano solo i giorni. Dovrebbe essere così ovunque pensai. L’unica misura valida del tempo dovrebbero essere i giorni, appunto. Tutti gli altri parametri dovrebbero essere considerati quelli che sono: convenzioni sociali. Invenzioni. Gli esiti deliranti del perenne tentativo dell’uomo di dominare in qualche modo la più grande ossessione: il tempo. I giorni invece esistono davvero. Dovrebbero essere l’unico modo giusto di misurare la vita».

“Dentro” è il dramma di quell’identità che spesso abbiamo la sensazione ci venga rubata:

«Mi presero le impronte delle dita. E ora stavano su un foglio, sopra il tavolo, proprio davanti a me; sembravano un segreto svelato, una cosa che, fino a poco prima, era intima e privata, e che invece d’ora in avanti tutti avrebbero potuto vedere. Senza dovermi chiedere niente. Le guardavo. Era come se mi avessero tolto qualcosa di mio per sempre, come se quelle impronte me le stessero rubando».

Quell’identità che continuamente oscilla tra il NOI, fatto di amori, affetti, amicizie e l’IO che si impone quando si sente minacciato, quando è il momento di accettare una sfida o quando intravede un NOI che sembra ancora più grande: l’amore.

«Aveva detto «noi». E mi sembrò fosse la prima volta che risuonasse quel pronome nell’aria, riferito anche a me»

«Al mattino sapevo già che da quel giorno non avrei dovuto fare delle cose, ma che avremmo dovuto fare delle cose, e questo perché pensare per due era già diventato l’unico modo di pensare». 

«Era difficile essere la metà esatta di quel NOI, succedeva solo in due, e quel NOI era il doppio del massimo a cui potesse ambire un IO. E adesso dovevamo solo stare attenti che non ci separassero. Perché avrebbero potuto farlo. Lo sapevamo».

«[…] c’era una ragazza seduta a cantare. Rimasi colpito, forse dalla canzone o da lei, o da tutte e due le cose. Poi mi girai a cercarlo, ma lui non c’era più. […] Mi disse che c’era rimasto male. […] La diarchia finì in quel momento. […] Dev’essere proprio previsto; le donne sono l’unica cosa che non è tanto facile condividere. E lei era l’unica cosa più grande di NOI».

“Dentro è la storia di quell’IO che solo se c’è può considerare e dare vita all’ALTRO.

– Ma devo fare come fanno gli altri? 

– No. Cadresti.

– E cosa devo fare?

– È una dinamica unica ciò attraverso cui ti definisci e ti conosci. È la tua identità.

– Che identità?

– Ciò che ti rende uguale a te stesso e diverso dagli altri.

 Di quell’IO che, a volte, solo davanti a un “muro” riusciamo a ritrovare.

«C’era un uomo lì dentro che tutti i giorni, allora d’aria, usciva con gli altri in cortile, lo attraversava interamente e arrivava, camminando a passi lenti, fin sotto il muro di cinta, ma talmente sotto che riusciva a toccarlo col naso. Per guardarlo così da vicino da non vederlo più. Una volta l’ho fatto anch’io. Ero arrivato talmente sotto il muro da perdere la visione laterale degli occhi. Talmente sotto il muro da vederne solo il colore».

 Sparisce il “muro” e appare il tuo “Dentro”. Il prezzo da pagare per ritrovare la tua identità, per riaffermare il tuo IO. Il prezzo da pagare per riprenderti la tua libertà.


Titolo: Dentro
Autore: Sandro Bonvissuto
Pagine: 184
Anno di pubblicazione: 2012
Editore: Einaudi
ISBN: 978-8806208448
Prezzo di copertina: 17,50
Versione: audiolibro
Letto da: Sandro Bonvissuto
Durata: 5 ore e 34 min
Data di pubblicazione: 17.4.2019
Lingua: Italiano

Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Dentro. Bonvissuto

Fabiana Simonelli

Pubblicato

il

Continua la lettura

Cultura

Farmacia sant’Anna: per Genova è storia

Il sindaco della città presiede alla Scopertura della targa che identifica l’Antica Farmacia Sant’Anna come la più antica Bottega Storica del Comune di Genova

Mario Russo

Pubblicato

il

Sarà Marco Bucci, sindaco di Genova, sabato 23 novembre alle ore 10, a scoprire la targa che identifica la Farmacia sant’Anna come la più antica bottega storica del comune.

“Speriamo che questo evento possa contribuire a dare ulteriore risalto alla farmacia – afferma frate Ezio Battaglia, erborista e tutore della storia della farmacia – e stimoli la curiosità dei genovesi che ancora non conoscono la bottega a farci presto visita, perché tutti siano testimoni e depositari della cultura e tradizione secolare di una parte della città unitamente al valore di tutte le botteghe storiche”.

L’Antica Farmacia si trova all’interno del convento di Sant’Anna dei Frati Carmelitani Scalzi, nell’omonima piazzetta, nel quartiere di Castelletto, sulla sommità del poggio Bachernia, in posizione un po’ nascosta ma vicinissima al centro, facilmente raggiungibile con la storica funicolare di Sant’Anna. E’ un luogo unico, appartato e poco conosciuto dai genovesi, ancora intatto dai primi del ‘600. Una piccola oasi di pace a due passi dal centro.

Il Convento fu fondato nel 1584 da Padre Nicolò Doria, stretto collaboratore di Santa Teresa D’Avila la riformatrice dell’Ordine Carmelitano e fondatrice deli Scalzi. Primo convento dei Carmelitani Scalzi al di fuori dalla Spagna, Sant’Anna è sempre stata Casa di Formazione per i religiosi e ospita tutt’oggi un’attiva comunità di frati.

 La spezieria del convento di Sant’Anna

Il vero gioiello del complesso è comunque l’Antica Farmacia, un luogo suggestivo e iconico per Genova, alla quale si accede passando attraverso un antico portale barocco. Tra manuali, strumenti antichi, preziosi vasellami, sono esposti, in pregiate boiserie in noce, i vari preparati. Un putto ligneo del XVII secolo reca il motto della farmacia che da quattro secoli ispira l’operato dei frati di Sant’Anna: “Nos medicinam paramus, Deus dat nobis salutem”, ossia, “Noi prepariamo i rimedi, Dio ci dà la salute”.

A partire dalla fondazione del Convento, avvenuta nel 1584, i frati si erano occupati della raccolta delle erbe officinali che circondavano l’area conventuale, nonché della preparazione dei rimedi erboristici, utilizzati per curare la comunità religiosa.

Dal 1652 è documentata l’esistenza di una spezieria aperta al pubblico. Grazie all’operosità e allo studio che i frati vi dedicarono, alle ricette magistrali (tramandate da padre in padre, aggiornate in relazione al progresso scientifico) l’attività è proseguita sino a oggi senza interruzione o cambi di proprietà.

Ancora oggi l’accoglienza della persona nella sua particolarità e unicità gioca un ruolo fondamentale nel percorso di guarigione che qui molti vengono a intraprendere.

È soprattutto per il passaparola scaturito dall’efficacia dei prodotti a base di erbe, formulati per ristabilire l’equilibrio dell’organismo, che vengono riconosciuti alla farmacia meriti di rarità ed esclusività.

 Un luogo da scoprire

La chiesa, del 1586, annessa al convento, ha un impianto tardo rinascimentale e la sua originale austerità è stata arricchita nei secoli dal gusto delle famiglie Genovesi che ne hanno avuto il patronato come gli Spinola, i Doria, i Pallavicini e i Cattaneo che qui, a partire dal 1616 hanno costruito le loro cappelle private. All’interno sono custodite molte tele di artisti come Gherardo delle Notti, Domenico Fiasella, Agostino Ciampelli, Francesco Maria Schiaffino e altri autori barocchi di scuola genovese e romana.


All’interno del convento si trova la singolare biblioteca storica che raccoglie volumi antichi, erbari, saggi di botanica con preziose miniature, testi teologici e biblici di preziosa fattura.

Alla quiete e all’atmosfera del luogo contribuisce la presenza di un pregiato roseto ricco di varietà officinali, aperto al pubblico tutti i giorni negli orari d’apertura dell’Antica Farmacia.

L’intero complesso è visitabile partecipando a visite mensili gratuite guidate sia dall’architetto Silvia Piacentini: un viaggio alla scoperta della storia e dell’arte del Convento; sia da frate Ezio, erborista e tutore della storia della farmacia: un viaggio alla scoperta delle caratteristiche delle piante officinali, delle curiosità e dei preziosi rimedi erboristici.

Ecco alcune info:

Antica Farmacia Erboristica S. Anna dei frati Carmelitani Scalzi. Piazza S. Anna, 8     –    16125 GENOVA       Tel. ‪010.2513285
www.erboristeriadeifrati.it  

Orari di apertura:
dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 15,45 alle 19,00 e il sabato dalle 8,30 alle 12,30

Continua la lettura

Cultura

Apertura straordinaria dei magnifici Giardini di Ninfa

A passeggio tra la natura e la storia

Collaboratori occasionali

Pubblicato

il

Di Elisa Nodale

A pochi passi dalla capitale, in provincia di Latina, si estendono i Monti Lepini. I numerosi borghi in stile medievale incorniciano un paesaggio fiabesco tutto da esplorare: gli abitanti organizzano manifestazioni sempre diverse che impegnano quasi tutto il territorio. Il 13 Ottobre scorso c’è stata l’apertura straordinaria dei Giardini di Ninfa,  in provincia di Latina, che ricorre in diversi periodi dell’anno. L’evento prevedeva non solo la visita guidata del parco, ma anche delle mini escursioni, con operatori turistici, nelle vicine cittadine di Cori e Giulianello.

Il “Giardino magico” è un’attrazione che richiama i visitatori da tutta Italia. Un’immersione colorata nella storia e nella geografia.  Appena si entra si è accolti dalla cinta muraria che proteggeva l’antica città dagli attacchi nemici, questo nuovo ingresso, rappresenta la principale novità della visita, in quanto viene utilizzato dallo scorso giugno, e ci riporta all’origine di quello che un tempo era l’accesso storico della città.

Di fronte, al centro dell’antico paese di Ninfa si ergono i resti della basilica di Santa Maria Maggiore e numerosi ruderi di chiese che testimoniano l’importanza dei valori religiosi che investivano e proteggevano la città: Ninfa, infatti, ha ospitato e consacrato Papa Alessandro III durante il periodo antipapale.

La città ha subito diversi saccheggi ed infine è stata distrutta, rimanendo addormentata diversi secoli finché la famiglia Caetani, mecenate dell’arte e della storia della zona dei monti Lepini, ha istituito il giardino.

Il parco ospita piante di ogni continente, infatti, grazie ad un microclima interno coesistono le vegetazioni tipiche di luoghi agli antipodi del mondo,dal Brasile alla Russia passando per la Cina e il Giappone. 

L’Oriente influenza molto lo stile di questa oasi che in qualsiasi momento dell’anno risulta sempre fiorita. Ciò è stato reso possibile dallo studio meticoloso della “pittrice e giardiniera” Lelia Caetani.  Queste zone raccontano l’intreccio di storie che risalgono addirittura ad un’età precedente la nascita di Cristo, quella romana e la costruzione della via Appia, dei popoli latini influenti degli usi e dei costumi di Roma, la storia papale ed imperiale ed infine anche quella moderna.

Le visite a Cori e Giulianello sono state maestre visive di queste trasformazioni.

Non si può non rimanere estasiati dei paesini limitrofi di Bassiano e Sermoneta. Quattro cittadine pittoresche così simili ma così diverse. Qualcuna più sponsorizzata e turistica, altre meno. In tutte si respira però un’aria pulita, che non riguarda l’inquinamento atmosferico, quanto piuttosto un modo di vivere bello, che continua ad intrecciare il passato con il presente, perché la storia è maestra di vita.

Un abitante di Bassiano afferma: “La città è meravigliosa, soprattutto per la tranquillità. Abitare qui significa anche sicurezza. Purtroppo le attività e le bellezze del paese non vengono promosse abbastanza e sono pochi a conoscere, per esempio, il Santuario del Crocefisso, che non ha nulla da invidiare ad altri luoghi di culto”.

Spesso si ricerca la bellezza nell’esotico ma se non si ha modo di prendere l’aereo e volare dall’altra parte del mondo, a poco più di un’ora di macchina da Roma, passeggiando tra le stradine di ciottoli di un antico borgo medievale, si può trovare la concentrazione di un giardino zen, vivere un’esperienza culturale d’impatto ed essere inebriati dall’odore familiare di una cucina tradizionale.

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti