Connect with us

Società

“Shoah Party”: la chat degli orrori

Uno studente su tre utilizza le chat per scambiare immagini violente e razziste

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Le chat e i gruppi di messaggistica istantanea stanno assumendo toni sempre più macabri e il contenuto degli smartphone dei ragazzi è sempre più allarmante. A mettere in evidenza il fenomeno è stato il sito skuola.net dopo l’evento dello “shoah party”, una chat segreta dove ragazzi di età compresa tra i 13 e i 19 anni si scambiavano materiale discutibile: inni all’ISIS e al nazismo, insulti razzisti, video pornografici e contenuti violenti.

Il sito skuola.net ha intervistato i propri iscritti: su 4000 ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 25 anni è emerso che 1/3 di loro scambia contenuti inappropriati tramite chat, materiale pornografico per il 65% dei casi, nell’11% immagini di violenza, l’8% inni al fascismo e al nazismo, il 7% materiale pornografico, per il 5% atti di bullismo e per il 4% atti di razzismo.

Secondo i dati, questo materiale viene scambiato per il 60% dei casi attraverso Whatsapp, per il 35% attraverso Instagram. Oltre la metà degli intervistati pensa che possa essere divertente scherzare su questo tipo di argomenti, benché questo tipo di conversazione avvenga soprattutto in chat molto ristrette, quasi blindate.

Dal punto di vista penale, i minori di anni 14 non sono punibili, mentre per i maggiorenni e i minorenni di età maggiore di 14 anni, la pena per la detenzione di materiale pedopornografico può arrivare a tre anni di carcere e una multa non inferiore a 1549 euro, la diffusione invece è punibile con la reclusione da uno a cinque anni con una multa compresa tra 2582 e 51645 euro.

Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Società

“Portate il coronavirus, andate via!”

A Don Bosco, due coppie di orientali minacciate, episodi di bullismo e razzismo in tutta Italia e boicottaggio delle attività gestite da cinesi

Marco Matteoli

Pubblicato

il

A Roma e provincia vivono oltre 23 mila cittadini di origine cinese, con oltre 3000 imprese attive. Una popolazione che si è vista trasformata, in poche settimane, da risorsa commerciale a capro espiatorio. Ne sono la prova i sempre più frequenti episodi di violenza contro persone non solo di origine cinese, ma orientali in generale.

Dura la replica del sindaco di Roma Virginia Raggi su Twitter, che si dichiara vicina alle vittime di questa aggressione e definisce l’episodio come vergognoso.

Gli insulti e le provocazioni non colpiscono solo i cittadini cinesi della capitale, ma dilagano a macchia d’olio in tutta la penisola:  il 6 febbraio in zona Bolognina è stato aggredito un bambino di quindici anni italiano di origini cinesi fuori dalla scuola, l’11 febbraio a bordo di un autobus COTRAL è apparsa la scritta “cinesi infetti”, a Torino il 2 febbraio una ragazza cinese è stata costretta a scendere da un autobus, ma altri episodi sono stati registrati da Cuneo a Frosinone, passando per Firenze.

Come se non bastasse, la psicosi “virus Cina” ha colpito anche il settore commerciale, lo ha detto alla rivista “la nazione” anche il presidente della maison fiorentina Salvatore Ferragamo, che si dice preoccupato di un possibile calo nel fatturato. Gli effetti si sentono a livello quotidiano, ma al momento non si possono fare proiezioni a medio-lungo termine. In borsa si registrano giornate nere, e l’economia cinese potrebbe subire una contrazione dell’ 1,2%. Come ipotizzato dal capo economista di Standard & Poor’s per l’Asia-Pacifico, i settori più colpiti saranno quello del turismo e delle vendite al dettaglio. Inevitabilmente, il rallentamento dell’economia cinese avrà un impatto anche sull’economia mondiale.

La paura per il diffondersi del coronavirus, che attualmente ha infettato oltre 45000 persone in tutto il mondo e ne ha uccise oltre 1000, ha portato gruppi estremisti a sentirsi legittimati a diffondere messaggi del tipo “per godere di sicurezza assoluta, comprare italiano è dovere morale”, come riportato in uno slogan di Casapund. Disinformazione, superficialità e ignoranza contribuiscono al propagarsi non tanto del virus, quanto di pericolose fake news. Vale la pena riportare i punti espressi dal ministero della salute:

  1.  Il Coronavirus COVID-19 non si trasmette attraverso il cibo, ma si tratta di un virus respiratorio che si diffonde attraverso contatto stretto con persone malate. La via primaria sono le goccioline del respiro delle persone infette, che si trasmettono tramite saliva, contatti diretti personali o attraverso le mani, se portate alla bocca o al naso dopo aver toccato oggetti contaminati.
  2. La situazione in Italia è costantemente monitorata, con controlli sanitari per chi fa scalo nella capitale, e si sta lavorando alla produzione di farmaci mirati, l’OMS stima che il vaccino sarà pronto entro 18 mesi;
  3. Non ci sono motivi per impedire ai propri figli l’accesso a scuola;
  4. La mascherina non è assolutamente necessaria per le persone sane, la forma più efficace di protezione è il lavaggio delle mani e l’utilizzo di disinfettanti su base alcolica sulle superfici;
  5. Avere la tosse non significa aver contratto questa forma di virus, per ogni dubbio si consiglia di contattare il proprio medico.
  6. La mortalità del virus COVID-19 è del 2-3%, le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie pre-esistenti, quali diabete e malattie cardiovascolari. Per fare un confronto con le altre pandemie, bisogna ricordare che la mortalità della SARS era del 15%, quello della MERS del 35%, quello dell’Ebola del 50%. La mortalità del virus dell’influenza stagionale invece si aggira attorno allo 0,6%.
  7. Non ci sono prove che il virus possa essere trasmesso attraverso animali domestici.
  8. L’OMS ha dichiarato che le persone che ricevono pacchi provenienti dalla Cina non sono a rischio infezione, poiché il virus non è in grado di resistere a lungo sulle superfici.

Per aggiornamenti ufficiali:

http://www.salute.gov.it/portale/malattieinfettive/dettaglioFaqMalattieInfettive.jsp

https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports

https://www.ecdc.europa.eu/en/novel-coronavirus-china

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp

Continua la lettura

Società

PREMIO “GIUSEPPE DE CARLI”

Premiazione e tavola rotonda il 16 gennaio alla Pontificia Università della Santa Croce

Mario Russo

Pubblicato

il

Un pomeriggio dedicato alla riflessione sull’informazione religiosa e alla premiazione dei vincitori della quinta edizione del Premio “Giuseppe De Carli”. Un evento organizzato dall’omonima Associazione per giovedì 16 gennaio alle ore 15 nell’aula Álvaro Del Portillo della Pontificia Università della Santa Croce (Piazza di Sant’Apollinare a Roma).

L’apertura dell’incontro e i saluti di benvenuto sono affidati ad Alessandro Gisotti, vice direttore editoriale del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede. Seguirà la Tavola rotonda su “Come rendere attraente il racconto del fatto religioso”.

Moderati da Alessandra Ferraro, vice caporedattore Rai, interverranno mons. Domenico Pompili, Presidente della Commissione Episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali della Cei e vescovo di Rieti; Barbara Carfagna, autrice e conduttrice Rai; José Maria La Porte della Facoltà di Comunicazione dell’Università della Santa Croce, partner accademico dell’Associazione assieme alla Pontificia Facoltà Teologica “San Bonaventura” Seraphicum.

Nell’occasione, sarà possibile ammirare la mostra fotografica dal titolo “7 anni di papa Francesco” di Daniel Ibáñez Gutiérrez di EWTN-CNA.

A seguire la cerimonia di Premiazione dei vincitori della quinta edizione del Premio, nato per ricordare il giornalista vaticanista Giuseppe De Carli, scomparso nel 2010, e per promuovere momenti di riflessione e di confronto su un giornalismo capace di raccontare i fatti con serietà, preparazione ed equilibrio, senza incorrere in letture superficiali e sensazionalistiche.

A ricevere il Premio saranno i primi due classificati nelle sezioni “Testi” e “Video”, una “Giovane promessa” e un collega cui sarà consegnato il “Premio alla carriera”.

Continua la lettura

Società

Il quartiere Garbatella festeggia i suoi 100 anni

Alla vigilia del suo centenario, i cittadini del quartiere Garbatella di Roma si preparano ai festeggiamenti

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Alla vigilia del centenario della nascita del quartiere, che cadrà il 18 febbraio 2020, lunedì 16 dicembre 2019 alle ore 18.00, al Palladium di piazza Bartolomeo Romano verrà presentato il libro “Garbatella 100, il racconto di un secolo”.

Il quartiere Garbatella nacque il 18 febbraio 1920, quando Re vittorio Emanuele III assieme al presidente dell’istituto case popolari di Roma dell’epoca, fondarono la Borgata Giardino Concordia attorno a piazza Benedetto Brin. Un piccolo borgo a poche centinaia di metri di distanza dalla Basilica di San Paolo, nato per dare una sistemazione agli operai della zona industriale Ostiense.

Nel libro, scritto a più mani e pubblicato dalla Iacobelli Editore in coedizione con Cara Garbatella, sono racchiuse le foto, le storie e i personaggi che hanno attraversato questo noto quartiere di Roma negli ultimi 100 anni. Le 360 pagine del libro ripercorrono questo secolo scandendo il tempo per decadi, raccontando le storie della comunità ebraica, di quella protestante, dei sacerdoti e dei gruppi di volontariato che hanno reso il quartiere Garbatella uno dei più affascinanti della capitale.

Il libro sarà disponibile da metà dicembre in tutte le librerie di Roma e nelle edicole del VIII municipio.

In vista del centenario inoltre, la ragione Lazio in collaborazione con  ATER Roma investirà complessivamente 820.000 euro per mettere in atto una serie di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, per implementare le infrastrutture e il decoro del quartiere, e ridurre le criticità urbane al momento presenti.

Per approfondimenti  circa il quartiere Garbatella: https://caragarbatella.it/

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti