Connect with us

Società

“Portate il coronavirus, andate via!”

A Don Bosco, due coppie di orientali minacciate, episodi di bullismo e razzismo in tutta Italia e boicottaggio delle attività gestite da cinesi

Marco Matteoli

Pubblicato

il

A Roma e provincia vivono oltre 23 mila cittadini di origine cinese, con oltre 3000 imprese attive. Una popolazione che si è vista trasformata, in poche settimane, da risorsa commerciale a capro espiatorio. Ne sono la prova i sempre più frequenti episodi di violenza contro persone non solo di origine cinese, ma orientali in generale.

Dura la replica del sindaco di Roma Virginia Raggi su Twitter, che si dichiara vicina alle vittime di questa aggressione e definisce l’episodio come vergognoso.

Gli insulti e le provocazioni non colpiscono solo i cittadini cinesi della capitale, ma dilagano a macchia d’olio in tutta la penisola:  il 6 febbraio in zona Bolognina è stato aggredito un bambino di quindici anni italiano di origini cinesi fuori dalla scuola, l’11 febbraio a bordo di un autobus COTRAL è apparsa la scritta “cinesi infetti”, a Torino il 2 febbraio una ragazza cinese è stata costretta a scendere da un autobus, ma altri episodi sono stati registrati da Cuneo a Frosinone, passando per Firenze.

Come se non bastasse, la psicosi “virus Cina” ha colpito anche il settore commerciale, lo ha detto alla rivista “la nazione” anche il presidente della maison fiorentina Salvatore Ferragamo, che si dice preoccupato di un possibile calo nel fatturato. Gli effetti si sentono a livello quotidiano, ma al momento non si possono fare proiezioni a medio-lungo termine. In borsa si registrano giornate nere, e l’economia cinese potrebbe subire una contrazione dell’ 1,2%. Come ipotizzato dal capo economista di Standard & Poor’s per l’Asia-Pacifico, i settori più colpiti saranno quello del turismo e delle vendite al dettaglio. Inevitabilmente, il rallentamento dell’economia cinese avrà un impatto anche sull’economia mondiale.

La paura per il diffondersi del coronavirus, che attualmente ha infettato oltre 45000 persone in tutto il mondo e ne ha uccise oltre 1000, ha portato gruppi estremisti a sentirsi legittimati a diffondere messaggi del tipo “per godere di sicurezza assoluta, comprare italiano è dovere morale”, come riportato in uno slogan di Casapund. Disinformazione, superficialità e ignoranza contribuiscono al propagarsi non tanto del virus, quanto di pericolose fake news. Vale la pena riportare i punti espressi dal ministero della salute:

  1.  Il Coronavirus COVID-19 non si trasmette attraverso il cibo, ma si tratta di un virus respiratorio che si diffonde attraverso contatto stretto con persone malate. La via primaria sono le goccioline del respiro delle persone infette, che si trasmettono tramite saliva, contatti diretti personali o attraverso le mani, se portate alla bocca o al naso dopo aver toccato oggetti contaminati.
  2. La situazione in Italia è costantemente monitorata, con controlli sanitari per chi fa scalo nella capitale, e si sta lavorando alla produzione di farmaci mirati, l’OMS stima che il vaccino sarà pronto entro 18 mesi;
  3. Non ci sono motivi per impedire ai propri figli l’accesso a scuola;
  4. La mascherina non è assolutamente necessaria per le persone sane, la forma più efficace di protezione è il lavaggio delle mani e l’utilizzo di disinfettanti su base alcolica sulle superfici;
  5. Avere la tosse non significa aver contratto questa forma di virus, per ogni dubbio si consiglia di contattare il proprio medico.
  6. La mortalità del virus COVID-19 è del 2-3%, le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie pre-esistenti, quali diabete e malattie cardiovascolari. Per fare un confronto con le altre pandemie, bisogna ricordare che la mortalità della SARS era del 15%, quello della MERS del 35%, quello dell’Ebola del 50%. La mortalità del virus dell’influenza stagionale invece si aggira attorno allo 0,6%.
  7. Non ci sono prove che il virus possa essere trasmesso attraverso animali domestici.
  8. L’OMS ha dichiarato che le persone che ricevono pacchi provenienti dalla Cina non sono a rischio infezione, poiché il virus non è in grado di resistere a lungo sulle superfici.

Per aggiornamenti ufficiali:

http://www.salute.gov.it/portale/malattieinfettive/dettaglioFaqMalattieInfettive.jsp

https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/situation-reports

https://www.ecdc.europa.eu/en/novel-coronavirus-china

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp

Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Società

Omicidio Willie, quando il mostro è palese si cerca il creatore del mostro

Mai come ora, tutti (o quasi) gli schieramenti politici e ideologici si sono allineati nel condannare l’omicidio di Willie. Ora dobbiamo solo trovare il vero colpevole

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Sono passati pochi giorni dalla morte di Willie Monteiro Duarte, 21 anni, pestato a morte per venti minuti a Colleferro per aver cercato di difendere un amico. Il web non ha esitato a mostrare segni di indignazione contro i quattro giovani presunti aggressori (Marco e Gabriele Bianchi , Mario Pincarelli e Francesco Belleggia), ma, in rari casi, anche messaggi di odio xenofobo «siete degli eroi», scrive qualcuno, «avete tolto di mezzo una scimmia»,  «tanti italiani vengono massacrati ogni giorno da Mao Mao», pochi commenti, ma fin troppi. Tale accaduto ha trovato una semi unanimità nella condanna non solo del fenomeno, ma anche degli aggressori, con una serie di tweet e di post che addirittura invocano la pena capitale contro i quattro giovani picchiatori.

Mentre da una parte il popolo del web non ha dubbi sulla condanna dell’evento, l’opinione pubblica si è spaccata sul “perché” tale evento sia avvenuto, ovvero “abbiamo trovato i mostri, ora cerchiamo il loro creatore”. Scrollando le bacheche di Facebook sembra di leggere il romanzo di Mary Shelley, dove la folla inferocita va alla ricerca e vuole dar fuoco al mostro di Frankenstein; in realtà nella vita reale, non serve essere mostri per compiere azioni mostruose, ma mettere alla gogna tali individui è il modo migliore che hanno i più per tenerne le distanze, per mostrarsi diversi.

Il post su Facebook di Massimo Giannini

Massimo Giannini, direttore della Stampa, in un suo tweet, sostiene che in un certo senso la colpa di tale atto sia da attribuire alle palestre e alle arti marziali, secondo altri, la colpa è del razzismo intrinseco della cultura italiana, o della narrazione politica attribuita alle destre, secondo altri è stata colpa del fatto che il ragazzo non si sarebbe dovuto intromettere, qualcuno probabilmente darà la colpa alle serie TV, altri ai videogiochi, altri alla musica trap. La realtà è che l’opinione pubblica ricerca spasmodicamente le cause della mostruosità al fine di poterla spiegare, poiché è molto più angoscioso, quasi lovecraftiano, avere a che fare con un mostro del quale non si conosce l’origine. E se tutti noi, nel nostro profondo, fossimo dei mostri pronti a fare del male, fisico o psicologico, a qualcuno più debole di noi se solo ne avessimo la possibilità e l’impunità? Cercare il mostro fuori di noi è forse il modo migliore per non guardare quell’abisso dentro di noi.

Continua la lettura

Società

Il rientro a scuola: tra incertezze e infinite burocrazie

La riapertura della maggior parte delle scuole italiane avverrà il 14 settembre; questo evento vedrà coinvolte oltre 10 milioni di persone, tra alunni, docenti e personale scolastico.

Marco Matteoli

Pubblicato

il

In vista del ritorno in classe viene ribadita dell’importanza della sicurezza, del distaccamento sociale e delle procedure di sanificazione, ma le problematiche da affrontare sono molteplici e le decisioni prese per affrontare questa frase di ritorno a scuola sono state contestate su più fronti. Per quanto riguarda i mezzi pubblici, la norma sul distanziamento sociale è stata resa più elastica per permettere il raggiungimento dell’80% della capienza del mezzo stesso. Gli scuolabus, oltre all’obbligo delle mascherine per tutti i bambini da sei anni in su, potranno tornare alla capienza massima se la permanenza su di esso durerà meno di 15 minuti. Per quanto riguarda gli accompagnatori, al fine di evitare assembramenti davanti agli edifici, soltanto un genitore potrà assumere tale incarico, sarà inoltre vietato l’ingresso all’interno delle scuole, se non per ragioni straordinarie. Gli ingressi e le uscite degli edifici dovranno essere scaglionati, differenziando le vie d’accesso da quelle di uscita e mantenendo sempre comunque il distanziamento di un metro. Si è introdotta la possibilità di ricorrere a turnazione differenziate e di prolungare l’orario di lezione sui sei giorni settimanali, sabato compreso, introducendo inoltre la possibilità di una didattica mista a rotazione da parte degli studenti, che in parte seguirebbero a distanza, in parte in sede. 

Per quanto riguarda il distanziamento in classe rimane la raccomandazione del metro da bocca a bocca da seduti e,  per tutelare i docenti, questi dovranno parlare a due metri di distanza dagli studenti seduti al primo banco. Per quanto riguarda le aule, dovranno essere eliminati gli armadi, le scaffalature e ingombri vari; durante gli intervalli dovranno essere evitate gli assembramenti, la merenda dovrà essere consumata rimanendo seduti al banco 

Una particolare attenzione dovrà essere rivolta alla pulizia degli oggetti come le maniglie, le sedie, i braccioli, i tavoli, i banchi, le cattedre, gli interruttori. Gli alunni con una temperatura corporea maggiore di 37,5° dovranno restare a casa, il compito di tale misurazione spetterà ai genitori; ovviamente anche i professori ed il personale scolastico dovrà essere apiretico per poter accedere alla scuola. Si sottolinea l’importanza dell’igiene delle mani e dell’uso della mascherina; a fornire 11 milioni di mascherine chirurgiche al giorno sembra che sarà lo Stato, anche se questo punto non è stato ancora completamente chiarito. La mascherina pare non sarà indicata per i bambini al di sotto dei sei anni, e  durante lo sforzo fisico prolungato in palestra. 

Nel caso in cui a un bambino dovesse comparire la febbre, la procedura prevede l’isolamento dell’alunno, cioè portato in una zona della scuola allestita a questo scopo e nel minor lasso di tempo possibile rimandato a casa. I genitori dovranno contattare il pediatra e il medico di base per avviare i controlli e se lo studente dovesse risultare positivo, coloro che sono stati in contatto con lui nelle 48 ore precedenti dovranno essere messi in isolamento fiduciario per i canonici 14 giorni. Se il contagio riguarda un singolo caso la scuola non chiuderà, ma si procederà alla sanificazione dell’aula e degli spazi dove avrà transitato la persona positiva nei 7 giorni antecedenti. In caso di focolaio la scuola sarà chiusa e sanificata.

Si appresta dunque un anno scolastico all’insegna dell’incertezza e delle più disparate difficoltà, peggiorate da iter burocratici mai come ora farraginosi, spesso contraddittori, o addirittura senza senso, alla ricerca schizofrenica di certezze matematiche da parte di un sistema sociale e umano che non permette tali certezze. La risoluzione del burocratizzare ogni aspetto del ritorno a scuola al fine di ottenere una parvenza di controllo, più che proteggere gli alunni sembra più un atto di cerchiobottismo, di una linea di governo sempre meno definita, per non dire bicefala.

Continua la lettura

Società

Inarsind: prendiamo atto della perdurante disattenzione alle problematiche della libera professione

“Decreto semplificazioni: la deregulation
sulle consulenze universitarie è una regalia assistenzialista”

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

L’Inarsind, l’associazione sindacale di categoria che ha inviato ieri una lettera ai Presidenti dei Gruppi Parlamentari del Senato con osservazioni non certo positive agli emendamenti all’articolo 19 del testo di legge sulla deregulation alle consulenze universitarie.

Secondo i liberi professionisti rappresentati dal sindacato, infatti, “l’introduzione dell’ennesima deregulation non porterà ad un trasferimento tecnologico dal mondo della ricerca al sistema produttivo – come sarebbe opportuno avvenisse – bensì molto più prosaicamente porterà ad ‘una lenzuolata per il passato e una libera uscita per il futuro’ per incarichi professionali ai docenti universitari, non più regolamentati da presupposti ed autorizzazioni accademiche”.

“In rappresentanza degli ingegneri e architetti liberi professionisti italiani, Inarsind chiede conto alle forze politiche ma soprattutto ai loro vertici, che in questi mesi tanto hanno sbandierato i mantra della “semplificazione” e della “competitività”, come si integri questa regalia assistenzialista nel quadro legislativo per affrontare – con i giusti strumenti – i poderosi investimenti che l’Ue ci ha concesso?”

“Tenendo conto che – come dichiara a margine il presidente di Inarsind, Roberto Rezzola – già i decreti Legge Cura Italia e Rilancio hanno sostenuto l’emergenza ma non hanno posto le basi per la necessaria trasformazione del Paese, l’impressione sembra sia quella di trovarsi le scorciatoie per non riprendere il passo per la crescita del paese e nel contempo tenersi la mano libera per agevolare le proprie consorterie”.

“Gli architetti e gli ingegneri liberi professionisti – afferma il Presidente di InarsInd, Roberto Rezzola – nel corso degli anni, hanno già accumulato una notevole esperienza sulle cosiddette “consulenze” grazie alle quali a dipendenti universitari, a volte ad interi dipartimenti, sono stati affidati veri e propri incarichi professionali, senza che a nessuno sia venuto in mente di chiedere con quali mezzi e personale fosse possibile portarli a termine. Così da domani ancor più queste pratiche,se saranno rese possibili da questo provvedimento, continueranno ad erodere il mercato delle libere professioni senza alcun vantaggio pratico per la collettività e per la Nazione”.

“All’interno di questo mancato rinnovamento – secondo Rezzola – le professioni liberali non possono non auspicare un autentico ripensamento del proprio ruolo nella Società, in nome delle risorse culturali e professionali che sono in grado di mettere in campo”.
Inarsind allora, tornando alla lettera, ancora una volta “invita il legislatore a voler affrontare con concretezza la conversione in legge di questo Decreto Semplificazioni chiedendo di tener conto delle nostre proposte” che sono:
Sburocratizzare ma responsabilizzare. Non è pensabile togliere dei consolidati “paletti” normativi senza individuare i responsabili dell’applicazione, in deroga, di norme sulla gestione del patrimonio pubblico.

Semplificare ma vigilare, dal momento che si chiedono norme semplificate di assegnazione degli incarichi e degli appalti è inevitabile aumentare il livello di controllo ex post o asbuilt dei processi di assegnazione e di controllo della commessa.

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti