Connect with us

Economia

La crisi del commercio equo solidale ai tempi del post-pandemia

La crisi causata dal lockdown ha costretto molte cooperative a chiudere la loro bottega equo solidale e a spostarsi sulla vendita on-line.

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Il commercio equo e solidale è una categoria di Commercio nella quale vi è sia una tutela del produttore, riducendo le iniquità causate da una rete poco etica, che del consumatore, tutelato da un controllo serrato della qualità del prodotto.

Sia nel commercio ordinario che in quello equo solidale, la qualità del prodotto alimentare è sottoposta a rigidi controlli che ne garantiscono la qualità sia dal punto di vista organolettico, che igienico-sanitario che nutrizionale, garantita da regolamentazioni che ne certifichino il rispetto delle norme igieniche all’interno della sua catena di produzione.

Il commercio equo solidale aggiunge, a tutto questo, il criterio di qualità dal punto di vista etico, garantendo un equo compenso e il non sfruttamento dei lavoratori impiegati nella catena di produzione.

Il costo del prodotto finale all’utenza risente non soltanto della qualità di partenza dei prodotti, ma anche della lavorazione degli stessi, del trasporto e della quantità di prodotto messa sul mercato. Ne consegue che prodotti a costo eccessivamente basso , con tutta probabilità si muovono all’interno di percorsi che sfruttano la manodopera a basso costo di lavoratori in paesi in via di sviluppo, sia per quanto riguarda i prodotti alimentari, che per i capi d’abbigliamento, i prodotti tecnologici, oppure cosmetici.

Al fine di ridurre lo sfruttamento lavorativo, molte associazioni hanno costituito cooperative di tipo equosolidale, che sono in grado di garantire l’eticità nel trattamento dei lavoratori, con un tracciamento trasparente di tutta la filiera di produzione. L’emergenza sanitaria causata dall’ultima pandemia ha toccato anche il mondo del FairTrade, e attività già fragili di per sé hanno subito notevoli ripercussioni economiche, essendo per lo più cooperative sociali. La maggior parte di queste cooperative ha meno di 15 dipendenti e dunque non possono aderire a fondi di integrazione salariale accessibili alle aziende più grandi, come denunciato dalla cooperativa “La Bottega della solidarietà” di Sondrio.

Le iniziative da parte dei commercianti di questo settore sono molteplici, ci si interroga su come si possa garantire la consegna a domicilio, oppure il ritiro della spesa prenotata on-line in alcuni territori. Molti, come “Mondo nuovo” e la “La Bottega della solidarietà” di Sondrio hanno deciso di chiudere fino a data da definire, oppure restano aperti in orario ridotto.

La percezione è che questo momento di grave difficoltà porterà a un incremento nelle difficoltà dei processi di integrazione del mondo del commercio equo.

Al fine di incrementare la gittata della clientela “Altromercato” ha implementato la sua fruizione dei servizi line, con una mappa trasparente dei produttori e con la possibilità di vendere online i prodotti in una visione sempre più on-line del commercio, in questo periodo storico, sempre più distanziato e “contact-ness”.

Sito web di altromercato: https://www.altromercato.it/it_it/

Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Inarsind: grave e incomprensibile il blocco dei contributi per i liberi professionisti

Misure di emergenza Covid19 deliberate da Inarcassa ma ancora
non corrisposte a causa del mancato via libera dei Ministeri competenti

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

“Consapevoli della complessità del lavoro che state svolgendo e delle tante istanze cui dovete dare riscontro siamo comunque costretti a sollecitare la vostra attenzione su un tema che appare, ai tanti liberi professionisti iscritti a Inarcassa, incomprensibile dato che si tratta di esprimere un parere di competenza senza dover allocare risorse”. E’ scritto cosi nella “urgente richiesta dei pareri di competenza Ministeri vigilanti sulla variazione di bilancio Inarcassa al fine di liberare le iniziative a favore degli ingegneri e architetti liberi professionisti italiani” scritta e inviata da Inarsind, l’associazione sindacale degli ingegneri e architetti liberi professionisti.

La notizia è questa. Una lettera urgente ai ministri competenti, da parte di inarsind, per sbloccare i fondi Inarcassaa favore dei liberi professionisti, stanziati da tempo, e ancora bloccati dalla mancato via libera dei ministeri competenti  i cui titolari sono ovviamente i destinatari della missiva, e cioè il Ministro dell’Economia, Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Ministro della Giustizia, missiva che per conoscenza è stata inviata anche al Presidente di Inarcassa.

Cosa dice Inarsind: “Siamo Inarsind, quindi, l’associazione sindacale che, nella sua completa indipendenza, rappresenta gli stessi iscritti ad Inarcassa, ed è costretta a far sentire la sua voce “per chiedere di provvedere ad un atto dovuto e atteso da tempo che potrebbe liberare una linea di sussidi a favore degli iscritti più in difficoltà”.

Lo scorso 12 maggio il Comitato Nazionale dei Delegati di Inarcassa ha deliberato – nell’ambito delle sue competenze e nelle disponibilità dell’Ente, e peraltro utilizzando le provviste derivanti dai versamenti degli iscritti senza ricorrere a debiti o a finanziamenti – una variazione di bilancio per l’ammontare di 100 milioni di Euro finalizzati a fornire le prime indispensabili misure di assistenza agli iscritti colpiti dalla pandemia e le prime misure di sostegno al reddito per gli iscritti.       Purtroppo  ci risulta siano ampliamente trascorsi i termini entro i quali una risposta era dovuta”.  

Come Associazione “abbiamo già inviato  – recita il testo – nei mesi scorsi delle richieste al Governo per assicurare l’avvio di investimenti pubblici di sostegno alla domanda interna che coinvolga tutta la forza lavoro della Nazione ed ora siamo a disposizione per affrontare il difficile momento delle scelte operative con la convinzione che il Decreto Semplificazioni sia l’occasione per richiedere il contributo propositivo degli architetti e ingegneri liberi professionisti. La sfida è rimuovere gli ostacoli burocratici e le incertezze per avviare un piano straordinario per tutte le opere, grandi, medie e piccole”.

“Per quanto sopra – è l’appello di Inarsind –  senza voler limitare l’attività di controllo dei competenti uffici, chiediamo cortesemente il vostro autorevole intervento per concludere con somma urgenza l’esame delle delibere e per la trasmissione dei benestare alla Cassa di previdenza”.

Continua la lettura

Economia

Professionisti in cantiere: ancora a rischio salute

Becucci (Inarsind Toscana): mancano indicazioni concrete su chi debba vigilare, su come si debba vigilare e su come gestire l’esito della vigilanza

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

“Oltre al danno la beffa: mancata tutela della salute nella fase lavorativa in cantiere e potenziale negazione del compenso. Quella del lavoratore intellettuale sta diventando di fatto una professione a rischio”. E’ l’allarme lanciato da Marco Becucci, presidente di Inarsind Toscana Centro, il sindacato che raccoglie le istanze di ingegneri e architetti liberi professionisti della regione.

Allo stato attuale, infatti, nei cantieri “il danno – spiega Becucci – è che senza indicazioni concrete e specifiche su chi debba vigilare,  su cosa e come si debba vigilare e poi come si debba gestire l’esito della vigilanza sulla salute dei lavoratori, di fatto non si rispetta il Testo Unico e scade tutto l’impianto della gestione della tutela prevista dal Legislatore”.

 “Nel caso della Toscana – entra nel merito Becucci – dato doverosamente atto dell’impegno del Presidente Rossi e dell’Assessore alla Presidenza Bugli di fornire indicazioni specifiche per tutti i settori, va anche detto che quando il Governo nazionale fornisce indicazioni con lacune di questo livello non è semplice, nella contingenza dell’urgenza imposta dagli eventi, individuare subito il da farsi: e così, dall’8 aprile, quando fu posta la questione della sicurezza da contagio per la riapertura dei cantieri, siamo arrivati all’8 giugno, sono passati due mesi, senza che la questione sia stata affrontata”.

Ma da dove ha origine questa confusione pericolosa: “L’inghippo della questione nasce – spiega Becucci – da un buco ‘ideologico’ contenuto nel Testo Unico sulla sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro, che all’articolo 2, definisce chi si debba qualificare come ‘lavoratore’ destinatario delle tutele previste”. Nel cantiere ci sono tre tipi di lavoratori: i lavoratori autonomi, i lavoratori dipendenti, i lavoratori intellettuali (progettisti, direttori dei lavori e coordinatori per la sicurezza e altri).

L’inghippo si cui sopra, spiega ancora il presidente toscano, “nasce dal fatto che invece il protocollo tra Governo e parti sociali del 24 aprile 2020 – da cui origina il problema della mancata tutela degli ‘intellettuali’ – e poi recepito nei Dpcm successivi, si occupa e preoccupa solo dei lavoratori dipendenti da impresa e dei lavoratori autonomi con esclusione dei lavoratori intellettuali, ai quali, paradossalmente,  il protocollo affida poi, invece,  il gravoso compito di verificare e vigilare sui presidi di sicurezza degli altri lavoratori addetti alle lavorazioni di cantiere”.

Becucci qui usa un paradosso: “Il che fa nascere sul piano della logica che i lavoratori intellettuali siano, per disposto di una legge superiore, esenti da contagio da coronavirus. Sappiamo che nella realtà così non è. Tant’è che lo stesso Testo Unico, per fare chiarezza, all’articolo 26 dice che quanto previsto all’art.26 ‘non si applica ai servizi di natura intellettuale sempre che essi non comportino rischi dalla presenza di agenti cancerogeni, mutageni o biologici’. E il contagio da covid-19 rientra, guarda caso, nei ‘rischi dovuti dalla presenza di agenti cancerogeni, mutageni o biologici’. Per cui, sani a prescindere, chioserebbe il grande Totò”.

In questa settimana potrebbero però esserci novità a livello regionale, i professionisti attendono.

Continua la lettura

Economia

Lavoro da casa: vince la produttività

Secondo l’Osservatorio Smart Working in Italia oggi ci sono 570mila smart worker, il 20% in più rispetto all’anno precedente

Monica Splendori

Pubblicato

il

Non si può parlare di Smart Working se non si capisce meglio il contesto. Secondo l’Osservatorio Smart Working 2019, in Italia oggi ci sono 570mila smart worker, 20% in più al 2018. Continua quindi il trend di crescita registrato negli anni passati. Secondo i dati 2019, il 76% degli smart worker è soddisfatto del proprio lavoro, contro il 55% degli altri dipendenti.

Uno su tre è pienamente coinvolto nella realtà in cui opera, rispetto al 21% di chi lavora in modalità tradizionale. Inoltre, secondo le organizzazioni coinvolte nella ricerca, i principali benefici che scaturiscono dall’adozione dello Smart Working sono il miglioramento dell’equilibrio fra vita professionale e privata (46%) e la crescita della motivazione e del coinvolgimento dei dipendenti (35%).

È interessante notare che ancora la gestione degli smart worker presenta secondo i manager anche alcune criticità, in particolare le difficoltà nel gestire le urgenze, per il 34% dei responsabili, nell’utilizzare le tecnologie (32%) e nel pianificare le attività (26%). Tuttavia è confortante che il 46% dei manager abbia dichiarato di non aver riscontrato alcuna criticità.

In termini di dotazione tecnologica, quella standard per consentire il lavorare da remoto generalmente si compone di PC portatile, VPN e servizi di social collaboration. Solo quando necessari vengono introdotti device mobili come smartphone e tablet.

Secondo le cifre dell’Osservatorio rispetto ai dipendenti sempre presenti in ufficio è mediamente più produttivo, nell’ordine di un + 35-45, chi lavora con orari flessibili. Questo perché il lavoro agile promuove la produttività individuale indipendentemente dal fatto di essere sempre presenti all’interno dell’azienda e fa assentare dal lavoro un tempo inferiore: circa il 63% in meno di chi svolge il lavoro in sede.

Concludendo, lavorare in modo agile è quindi un beneficio sia per i lavoratori, che per l’azienda: infatti permette di ridurre fino al 30% dei costi di affitto, utenze, attrezzature, dato che lo spazio per l’organico in ufficio si riduce. (fine)

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti