Le vie del successo

Le chiavi utili per aprire porte chiuse. Attitudini mentali necessarie

Secondo le ultime ricerche della Stanford University in California, il successo non dipenderebbe assolutamente dalle personali doti intellettive ma da un giusto atteggiamento mentale che fornirebbe una migliore previsione di successo.

Per risolvere questo rompicapo, la psicologa Carol Dweck ha individuato in coloro che  hanno partecipato allo studio due tipi di mentalità basilari; la prima, detta mentalità statica, impone a chi ce l’ha poca flessibilità, si crede di essere “ciò che si è” e che non è possibile cambiare. Questo modo di pensare, governato dalla paura, crea grandi problemi, facendoci sentire sopraffatti e senza speranza, mentre cerchiamo di gestire le prove della vita. La seconda mentalità, denominata mentalità di crescita, la possiedono coloro che credono di poter migliorare impegnandosi e accogliendo le sfide come opportunità per imparare qualcosa di nuovo.

Secondo la dottoressa Dweck, il successo nella vita dipenderebbe tutto da come si affrontano i fallimenti che vengono etichettati come tali per spronarci a risolvere le problematiche in modo diverso. Una mentalità proattiva che si traduce in crescita si può esercitare, facendo cambiamenti e ottimizzando le nostre scelte attraverso semplici strategie mirate. Non scoraggiarsi ed essere sempre appassionati nelle nostre scelte richiede uno sforzo, ma le persone che ottengono il successo perseguono le loro passioni in modo instancabile.

Non esiste un momento perfetto per andare avanti, ma il miglior modo per superare emozioni paralizzanti è quello di agire. Possiamo spingerci oltre, imparando la flessibilità; lamentarsi non serve, una mentalità di crescita cerca l’opportunità in tutto, sa che il risultato arriverà e rimane motivata. Oltre a questi suggerimenti, molte persone di successo si concedono in maniera metodica precisi momenti della giornata per ricaricarsi attraverso l’introspezione spirituale. Durante questi spazi, ricentrano il proprio pensiero attraverso letture dalla Bibbia o del proprio credo. Secondo loro questa pratica aiuta a cambiare prospettiva, eliminando il bisogno di cambiare la vita, perché si impara a vederla ed affrontarla in modo diverso. Durante gli anni hanno imparato ad affidarsi a una Certezza esterna a loro e questo li ha resi più coraggiosi e sicuri nelle proprie scelte.

Le problematiche quotidiane sono molte, ma possiamo acquisire ed esercitare una consapevolezza al successo cambiando il nostro modo di pensare ed agire.

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn