Giornata Mondiale della Felicità

Ricorrenza istituita dall’ONU nel 2012

Anche se della Primavera ancora non se ne vede l’ombra, oggi abbiamo un motivo in più per sollevare il nostro umore con l’International Day of Happiness, celebrato da 6 anni il 20 marzo. Qualche giorno prima della ricorrenza, il Global Happiness Council, rilascia un rapporto che fotografa i paesi più felici del mondo, calcolato su fattori come la salute, il lavoro, la casa, il reddito, le condizioni di vita, la famiglia e la fiducia nel Governo.

Anche quest’anno si confermano ai primi posti della classifica Finlandia, Norvegia e Danimarca, dimostrando che le basse temperature e le poche ore di luce non hanno nulla a che fare con la percezione della felicità.

Fra i diversi sondaggi effettuati in merito a questa percezione, quello più singolare è dei ricercatori dell’università inglese di Warwick che imputano una maggiore propensione alla positività ai popoli nordici, per via della variante corta del gene SLC6A4, addetto alla  tristezza e alla felicità nelle persone.

Ma per sollevare il DNA da questa responsabilità, potremmo incominciare a misurare la felicità con fattori meno materiali. Il nostro credo e le convinzioni spirituali sono altrettanto importanti e si rivelano degli aiuti reali proprio nei momenti di crisi. La teologa Mary Baker Eddy affermava che “L’uomo è dotato dal suo Creatore di certi diritti inalienabili, fra i quali sono la vita, la libertà e la ricerca della felicità”. Nei suoi scritti che fra i tanti obiettivi hanno  quello di scuotere la mente umana e indurla al cambiamento, dimostra come le facoltà dello Spirito sono indistruttibili ed esistono senza le condizioni della materia. La signora Eddy, donna profondamente spirituale, aveva compreso che l’uomo è naturalmente spinto verso una sorgente spirituale dalla quale attingere salute e felicità indipendentemente da qualsiasi condizione. Riconoscere questa possibilità universale e costante ci aiuta a raggiungere obiettivi più alti e di rimando è di grande aiuto al nostro benessere e alla nostra felicità.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn