Rispetto, dialogo e libertà d’espressione alla Pontificia Università della Santa Croce

Dal 17 al 19 Aprile a Roma l’XI edizione del Seminario internazionale sulla Comunicazione ecclesiale

Per 3 giorni oltre 300 professionisti della comunicazione ecclesiale si riuniranno a Roma per discutere ed interrogarsi sul tema del Dialogo, rispetto e libertà di espressione nella sfera pubblica.

È questo infatti il titolo dell’XI edizione del Seminario Professionale sugli Uffici di Comunicazione della Chiesa, organizzato dalla Pontificia Università della Santa Croce, che rappresenta un unicum nel panorama accademico internazionale, diventando nel corso degli anni, un appuntamento formativo imprescindibile per i direttori degli uffici di comunicazione, gli addetti stampa di istituzioni diocesane, i giornalisti dell’informazione religiosa.

Nel tempo della post-verità, dove le fake news sembrano essere l'unico orizzonte del dibattito pubblico, i comunicatori ecclesiali sono chiamati a fermarsi e ragionare. «Questo fenomeno ci chiama alla riflessione – ha detto Papa Francesco nel Messaggio per la 52ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2018 sul tema: La verità vi farà liberi – è per questo che ho dedicato questo messaggio all'argomento della verità (...). Vorrei offrire in questo modo un contributo allo sforzo comune per prevenire la diffusione di notizie false e per riscoprire il valore della professione giornalistica e la responsabilità personale di ciascuno nella comunicazione della verità».
Il seminario, quest’anno, sarà sviluppato su tre livelli tematici: il primo cercherà di esplorare il quadro teorico per gettare le basi di una riflessione accademica; un secondo livello analizzerà le concrete dinamiche del nuovo scenario mediatico; Al terzo livello, verranno presentati casi pratici di dibattiti reali liberi e costruttivi. Oltre a promuovere un aggiornamento per i responsabili degli uffici di comunicazione della Chiesa, l'evento offre anche uno scambio di esperienze tra professionisti di culture diverse, provenienti da diversi paesi.

Tra i relatori internazionali spicca la presenza del prof. Richard John, docente di Storia e Comunicazione presso la Columbia Journalism School (USA) – la più importante facoltà di giornalismo del mondo, quella che consegna i premi Pultzer –, la prof. Margaret Somerville, esperta di bioetica presso la Scuola di Medicina della University of Notre Dame Australia and Samuel Gale, Michael P. Warsaw, amministratore delegato di EWTN Global Catholic Network, il più grande network televisivo cattolico al mondo, e mons. Eamon Martin, Arcivescovo di Armagh e Primate d’Irlanda. Sul fronte italiano, la prof. Chiara Giaccardi, ordinaria di Sociologia e Antropologia dei Media all'Università Cattolica di Milano e don Ivan Maffeis, Sottosegretario e Direttore dell’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della CEI.

In programma è prevista anche l’udienza con Papa Francesco, mercoledì 18 e l’incontro con mons. Lucio Ruiz, Segretario della Segreteria per le Comunicazioni della Santa Sede.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn