Mario: da imprenditore a clochard a causa del gioco d’azzardo

Singhiozzando queste parole, Mario, 52 anni, ex imprenditore, descrive la sua situazione: <<I soldi non sono la cosa peggiore che ho perso a causa della mia dipendenza, prima di loro ho perso la fiducia della mia famiglia e le relazioni con i miei amici>>

Mario nel 2010 aveva avviato un piccolo negozio di elettrodomestici in un quartiere periferico di Roma, tutto sembrava andare a gonfie vele all’inizio, poi problemi economici sempre più incalzanti e piccole vincite al super enalotto hanno creato una spirale di eventi che da lì a poco lo hanno costretto a chiudere la sua attività, a indebitarsi dapprima con la sua famiglia, con i suoi amici e infine con le banche;  dopo aver ipotecato la sua casa, da circa 4 anni, il signor Mario vive dentro una roulotte con sua moglie ed è tuttora in attesa di una casa popolare che, a detta dell’ATER, dovrebbe essere assegnata a momenti.

<<Se qualcuno mi dava 20 euro, me li andavo a giocare immediatamente>> continua Mario, aspirando nervosamente la sua sigaretta.

<<Come è riuscito a smettere?>>

<<Sono in cura da un paio di anni presso il SERT di un ospedale romano, bisogna lavorare sul carattere, è un percorso lungo, e quando stai in mezzo alla strada è ancora più difficile, mia moglie mi è stata sempre vicino e per questo la ringrazio>>

<<Sua moglie ha sempre saputo che era affetto da ludopatia?>>

<<Assolutamente no, nemmeno i miei parenti, mentivo in continuazione su tutto, davo la colpa alle banche, poi quando i nodi sono venuti al pettine ho dovuto confessare. Prima che la casa fosse ipotecata sono riuscito a comprare questa roulotte usata, altrimenti a quest’ora vivremmo per strada>>

<<I vostri parenti e i vostri amici non vi hanno aiutato?>>

<<All’inizio si, poi quando le richieste di prestiti sono diventate sempre più frequenti piano piano tutti ci hanno chiuso le porte, molti hanno anche cambiato numero di telefono>>

 Mario è uno dei tanti italiani finiti su strada a causa non solo della crisi, ma anche della ludopatia: gratta e vinci, ma anche lotto e superenalotto, slot machine e video poker.

Lo studio IPSAD (Italian Population Survey on Alcohol and other Drugs) del 2017 condotto dal Cnr di Pisa segnala un incremento dei giocatori problematici: 400mila italiani colpiti da ludopatia registrati nel 2017 contro i 100mila registrati nel 2007; sono ben 17 milioni gli italiani (il 43% degli abitanti del nostro Paese) che hanno giocato d’azzardo almeno una volta nella vita, a fare la parte del leone sono i gratta e vinci e le scommesse sportive.

Attraverso la legge di stabilità sono stati destinati dal fondo sanitario 50 milioni di euro per intervenire sulla patologia del gioco d’azzardo, tuttavia, non solo la patologia è in continuo aumento, ma la rete assistenziale allo stato attuale non è omogenea ed è variabile da regione a regione.

 

Il sito web http://www.giocaresponsabilmente.it raggruppa i professionisti dei dipartimenti e dei servizi delle dipendenze, oltre a catalogare servizi, suggerimenti e le organizzazioni sul territorio, sia pubbliche che private volte a contrastare il fenomeno della ludopatia.

http://www.giocaresponsabile.it/?fuseaction=ServiziTerritoriali

 

AUTORE DELL’ARTICOLO: Dott. Marco Matteoli, medico chirurgo, specialista in diagnostica per immagini e medico volontario della Croce Rossa Italiana. Attualmente studente di cooperazione internazionale e sviluppo presso l’università di Roma “Sapienza”.

Contact: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; http://lamedicinadellapoverta.com; http://facebook.com/lamedicinadellapoverta

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn