ORIGINI: la rivoluzione energetica

bMaxwell lancia sul mercato un prodotto che stravolge il concetto di conservazione

 

Stando ai risultati dei test, effettuati da diversi operatori alimentari, di differenti settori e sui prodotti più disparati, starebbe per entrare prepotentemente sul mercato.  Si presenta come un ologramma, grande solo quanto un francobollo, ma capace, stando ai test, di esaltare e conservare in modo naturale le caratteristiche organolettiche originarie dei prodotti agroalimentari.

Applicato sulla parte esterna della confezione, alla base degli espositori o dei contenitori l’ologramma, denominato ORIGINI, sarebbe in grado di mantenere integri le caratteristiche e i valori originari dei prodotti rallentando i processi di ossidazione.

ORIGINI è un brevetto completamente italiano, nato dalla ricerca, dall’impegno e soprattutto dalla tenacia di Antonello Cecchini, il suo ideatore e CEO di bMaxwell. Un uomo che crede profondamente in questo tipo di innovazioni tecnologiche, completamente green, tanto da lasciare il suo precedente lavoro per dedicarsi completamente al progetto bMaxwell. “Sapevo di essere sulla strada giusta – afferma Cecchini – ma quando hai troppa sicurezza è il momento di alzare la guardia perché rischi di sbagliare e andare in confusione “. L’idea era quella di rivoluzionare il sistema di mantenimento dei prodotti.

Il primo prototipo di ORIGINI è datato 27 dicembre 2017. Dopo alcuni miglioramenti e una lunga serie di test si è giunti alla versione definitiva e alla registrazione del brevetto a giugno 2018.

C’è già chi ha deciso di utilizzare ORIGINI con i propri prodotti convinto dalle prove effettuate e soddisfatto dei risultati ottenuti. Primo fra tutti, un vero pioniere, Cesare Marinari, dell’omonima pasticceria in Roma p.zza Santa Emerenziana, nonché presidente dei pasticcieri della Capitale che, dopo averne testato e apprezzato le proprietà, ha deciso di “sposarlo” ai propri prodotti, già di eccellenza, come ulteriore attenzione per la propria clientela.

Molti altri lo stanno testando in modo sistematico dopo averne già apprezzato le proprietà con prove estemporanee.

Si prevede che a breve saranno in molti a legare i propri prodotti all’ologramma ORIGINI per garantirne l’esaltazione delle caratteristiche, una migliore conservazione e un maggiore equilibrio dei componenti.  Soprattutto quegli operatori che sono sempre alla ricerca del “meglio” per i propri consumatori, attenti alle innovazioni e soprattutto convinti che eccellenza sia sinonimo di naturale.

Antonello Cecchini ci tiene a fugare un dubbio ricorrente e soprattutto a rassicurare i consumatori: “ORIGINI, come tutti i prodotti “innovative bio technologies di bMaxwell – afferma – è conforme alle direttive europee riguardo la sicurezza e la salute dei consumatori”.

Sembra che l’ologramma, avvalendosi delle sole energie già presenti in natura, sia in grado di contrastare l’influenza dei campi elettromagnetici in cui siamo cospicuamente immersi e di creare un microambiente ideale per il miglioramento della shelf life.

ORIGINIi è arrivato anche all’attenzione di grandi chef che stanno valutando la possibilità di apporre l’ologramma sotto ogni piatto, vista la sua capacità – come afferma uno dei rinomati chef – di mantenere integre le proprietà originarie delle materie prime, di esaltarne le caratteristiche e di favorire l’equilibrio tra i diversi componenti.

Ma, a parte quello alimentare, molti possono essere i campi di applicazione di ORIGINI e molti, in effetti, sono quelli che lo stanno sperimentando, dal settore oleario-vinicolo a quello agricolo-vivaistico e persino quello dell’abbigliamento.

Presto allora potremmo ritrovare l’ologramma ORIGINI al bar dove siamo soliti prendere il caffè o i pasticcini, al ristorante dove amiamo andare a mangiare o al supermercato dove siamo soliti fare la spesa.

ORIGINI si presenta come un’opportunità per chi vuole aggiungere qualità al proprio prodotto, ma soprattutto come alleato ideale per chi ha fatto dell’eccellenza il proprio mestiere e per chi all’eccellenza aspira.

Visti i risultati e le prospettive, possiamo considerare ORIGINI una nuova eccellenza italiana capace, addirittura, di offrire una marcia in più a tutte quelle eccellenze che già caratterizzano il nostro Paese.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn