Street Child: un volontariato che investe in cultura

Quest’anno, al festival delle carriere internazionali, parteciperanno anche organizzazioni di promozione culturale

L’11 e il 12 marzo presso l’hotel Sheraton di Roma si terrà, come ogni anno, il festival delle carriere internazionali. Quest’anno, il decimo, a prenderne parte ci saranno molte organizzazioni internazionali tra le quali sarà presente anche Street Child.

Street Child è un’associazione che aiuta i bambini delle aree deboli del mondo, come alcuni territori africani e asiatici, a frequentare la scuola. Si impegna, attraverso un sistema di istruzione, ad arrivare alla fascia più debole della popolazione e poter, in futuro, dare vere possibilità di sviluppo nelle aree più svantaggiate del mondo.
L’obiettivo di questa organizzazione è appunto istruire questi bambini e far raggiungere un livello culturale tale da poter, con il tempo, ridurre la povertà globale.

Dal 2008 si occupano dei Paesi fragili del mondo come Sierra Leone, Liberia, Nigeria, Uganda, Congo, Nepal, Sri Lanka, Bangladesh e Afghanistan.

Il lavoro è svolto prevalentemente da volontari interessati a sviluppare una carriera nell’ambito della cooperazione. Per candidarsi è sufficiente seguire le istruzioni http://www.carriereinternazionali.com/cooperazione-sviluppo-e-volontariato/item/11229-candidati-ora-per-diventare-volontario-internazionale-con-street-child.

Link del festival delle carriere internazionali www.festivaldellecarriereinternazionali.org

 

AUTORE DELL’ARTICOLO: Dott. Marco Matteoli, medico chirurgo, specialista in diagnostica per immagini e medico volontario della Croce Rossa Italiana. Attualmente studente di cooperazione internazionale e sviluppo presso l’università di Roma “Sapienza”.

Contact: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; http://lamedicinadellapoverta.com; http://facebook.com/lamedicinadellapoverta

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn