Primavera di sole… volano i consumi di gelato

Acquisti per 3 miliardi di euro lo scorso anno con consumi annuali stimati in 6 chilogrammi a testa

Sono circa 40mila le gelaterie in Italia. E i gestori delle stesse si stanno fregando le mani per la bella stagione anticipata: l’insolito caldo sta facendo volare fuori stagione i consumi di gelato che raggiungono il massimo dall’inizio dell’anno con un aumento del 25% a marzo rispetto al mese precedente.

E’ un settore importante, si stima che vi lavorino oltre 150mila addetti ma rilevante è anche l’impatto sull’indotto con l’utilizzo di 220mila tonnellate di latte, 64mila di zuccheri, 21mila di frutta fresca e 29mila di altre materie prime.

E’ quanto spiega un’indagine Coldiretti, che sottolinea come le condizioni climatiche favorevoli abbiano messo in moto in anticipo il sistema legato alla produzione e al consumo del gelato, grazie a temperature minime e massime superiori di tre gradi rispetto alla media sulla base dei dati Ucea relativi alla prima decade.

Siamo di fronte ad una tendenza alla destagionalizzazione della fruizione del gelato che è in atto da diversi anni, nonostante l’estate resti la stagione privilegiata per coni e coppette. Gli acquisti di questi magnifici dolci freddi e cremosi da parte degli italiani, secondo l’indagine degli agricoltori, hanno raggiunto i 3 miliardi di euro lo scorso anno con consumi annuali stimati in 6 chilogrammi a testa.

Ad essere preferito è di gran lunga il gelato artigianale nei gusti storici anche se – occorre precisare – cresce anche la tendenza nelle diverse gelaterie ad offrire “specialità della casa” che incontrano le attese dei diverse target di consumatori, tradizionale, esterofilo, naturalista, dietetico o vegano.

Va per questo sottolineata nella preparazione del vero gelato l’importanza della qualità del latte e della frutta che migliora con l’arrivo delle primizie di primavera.

In epoca moderna – rileva la Coldiretti – la storia del gelato risale alla prima metà del XVI secolo nella corte medicea di Firenze con l’introduzione stabile di sorbetti e cremolati nell’ambito di feste e banchetti, anche se fu il successo dell’export’ in Francia a fare da moltiplicatore globale con il debutto ufficiale in terra americana: con l’apertura della prima gelateria a New York nel 1770 grazie all’imprenditore genovese Giovanni Bosio. Un percorso di crescita che non conosce ancora soste.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn