La pizza italiana candidata come patrimonio Unesco

  • Modifica

 

Un business che solo in Italia ha raggiunto i 10 miliardi di euro, nelle circa 63mila pizzerie

 

La pizza? E’ cultura. E di alto livello. E un business planetario: il riconoscimento della pizza come patrimonio dell’Unesco va a tutelare un business che solo in Italia ha raggiunto i 10 miliardi di euro, nelle circa 63mila pizzerie e locali per l'asporto, taglio e trasporto a domicilio dove lavorano complessivamente oltre 150mila persone.

http://iviti.co.uk/?vera=pannelli-forex-vendita-online&82b=44 L’analisi. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti resa nota in occasione del Napoli Pizza Village 2015 dove sono state raccolte le firme a sostegno dell'iscrizione della pizza nella lista Unesco del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. L’arte della pizza - riferisce la Coldiretti - sarebbe il settimo “tesoro” italiano ad essere iscritto nell’elenco rappresentativo del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco, che comprende a livello mondiale 348 elementi iscritti.

go here L’elenco tricolore comprende anche l’Opera dei pupi (iscritta nel 2008), il Canto a tenore (2008), la Dieta mediterranea (2010) l’Arte del violino a Cremona (2012), le macchine a spalla per la processione (2013) e la vite ad alberello di Pantelleria (2014).

http://wcminerals.com.au/?gvozd=vantage-binary-options-review&68a=1b Patrimonio culturale. Accanto al patrimonio culturale immateriale, l’Unesco – continua la Coldiretti - ha riconosciuto nel corso degli anni anche un elenco di siti, e proprio l’Italia è lo stato che ne vanta il maggior numero a livello mondiale, ben 50. Significativamente però – evidenzia Coldiretti - gli ultimi elementi, ad essere iscritti negli elenchi, dallo Zibibbo di Pantelleria alla Dieta Mediterranea, fanno riferimento al patrimonio agroalimentare made in Italy, a testimonianza della sempre maggiore importanza attribuita al cibo, non a caso scelto come tema simbolo dell’Expo 2015.

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn