Società e costume

Adolescenti e gioco d’azzardo: a Roma una disposizione antislot

A Roma sono presenti il 12% delle slot machine di tutto il Paese e il 36% degli adolescenti scommette abitualmente. E’ allarme nelle scuole

Una ricerca della CARITAS lancia l’allarme diffusione gioco d’azzardo a Roma, soprattutto tra gli adolescenti. Nonostante il gioco d’azzardo sia vietato ai minori, ben il 66% dei ragazzi di età compresa tra 13 e 17 anni scommette almeno una volta durante l’anno, e il 36% lo fa abitualmente...

Leggi tutto...

La mamma è sempre la mamma

Enciclopedie della comprensione e dell’affetto  

“Chiedilo alla mamma!” Quante volte nella nostra vita abbiamo sentito questa frase? Sembra che la mamma sia un pozzo di scienza o un’enciclopedia universale sempre aperta alla risposta giusta...

Leggi tutto...

Anaffettivi e distratti. E’ questo l’identikit dei Centennials?

Avarizia di sé, indifferenza verso l’altro, incapacità di esprimere affetti

Quando la fisicità nelle relazioni viene ad affievolirsi, ecco il rischio di perdere il senso dell’attaccamento e della realtà

Quelli comunemente chiamati “Millennials” o generazione Y, sono i ragazzi nati tra gli anni ’80 e il 2000 e rappresentano l’ultima generazione del XX secolo...

Leggi tutto...

Mario: da imprenditore a clochard a causa del gioco d’azzardo

Singhiozzando queste parole, Mario, 52 anni, ex imprenditore, descrive la sua situazione:

<<I soldi non sono la cosa peggiore che ho perso a causa della mia dipendenza, prima di loro ho perso la fiducia della mia famiglia e le relazioni con i miei amici>>  

Mario nel 2010 aveva avviato un piccolo negozio di elettrodomestici in un quartiere periferico di Roma, tutto sembrava andare a gonfie vele all’inizio...

Leggi tutto...

Assenza di dolore, assenza di turbamento: il ritorno dell’EROINA

In America 40 mila morti ogni anno per overdose da Eroina, i dati stimano che entro dieci anni saranno mezzo milione, stiamo assistendo al ritorno delle stragi da oppioidi?

Secondo il libro bianco, presentato dalla comunità di S.Patrignano il 26 Giugno 2018, in Italia le persone segnalate alla prefettura per abuso di droghe sono aumentate del 39% in due anni e il 30% dei detenuti entra in carcere a causa della droga...

Leggi tutto...

Cyberbullismo e social netwoks: un fenomeno marginale o una piaga da prendere sul serio?

L’incremento di circa l’80% nell’uso dei social network rispetto la scorsa decade, ha portato a un incremento parallelo di un fenomeno sempre più dibattuto, il cyberbullismo

In tandem a una variazione del tessuto sociale, l’utilizzo dei social network e delle reti internet ha integrato, e in parte sostituito, le forme di comunicazione tradizionali...

Leggi tutto...

La prostituzione e la tratta sessuale a Roma

Oltre 7000 prostitute sui marciapiedi di Roma, da via Salaria a via Cristoforo Colombo

In tutta Italia sono 30mila, per un giro di affari che frutta alla criminalità organizzata 32 miliardi di euro ogni anno. Un nuovo record nella Capitale: sono oltre 7000 le donne che sui marciapiedi di Roma mercificano il loro corpo, e il 7% di loro sono minorenni...

Leggi tutto...

Quando è l’uomo la vittima di violenza domestica

Giuditta che decapita Oloferne di Artemisia Gentileschi

Quando si parla di violenza domestica, l’opinione pubblica è essenzialmente a senso unico e vede sempre la donna vittima di un uomo carnefice

Bypassando le motivazioni di ordine politico che possono portare a tale narrazione, il fenomeno della violenza nei confronti del genere maschile è tutt’altro che un evento marginale...

Leggi tutto...

Se la vittima diventa colpevole

Analisi della situazione e dei dati sul doloroso problema della violenza sulle donne e del femminicidio

La violenza sulle donne è un argomento complesso, definito da tre norme come tipologia di reato, la violenza di genere prevede tre fattispecie nel codice penale...

Leggi tutto...

Bambini asociali come specchio del distacco genitoriale

Oltre un terzo dei genitori (il 35%) riscontra sempre più difficoltà nel trovare il tempo di parlare ai figli e di trascorrere del tempo con loro

Illustri sociologi, neuropsichiatri ed educatori possono confermare l’importanza del contatto umano nella crescita psicofisica dell’infante, e tali contatti vengono in linea di massima negati all’interno di strutture istituzionalizzate, definite dal sociologo statunitense Erving Goffman, come “totali”...

Leggi tutto...