Connect with us

Società

La prostituzione e la tratta sessuale a Roma

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Oltre 7000 prostitute sui marciapiedi di Roma, da via Salaria a via Cristoforo Colombo

In tutta Italia sono 30mila, per un giro di affari che frutta alla criminalità organizzata 32 miliardi di euro ogni anno. Un nuovo record nella Capitale: sono oltre 7000 le donne che sui marciapiedi di Roma mercificano il loro corpo, e il 7% di loro sono minorenni…

Oltre 7000 prostitute sui marciapiedi di Roma, da via Salaria a via Cristoforo Colombo

In tutta Italia sono 30mila, per un giro di affari che frutta alla criminalità organizzata 32 miliardi di euro ogni anno. Un nuovo record nella Capitale: sono oltre 7000 le donne che sui marciapiedi di Roma mercificano il loro corpo, e il 7% di loro sono minorenni.

Prostituzione per la stragrande maggioranza femminile, ma, in alcune zone di Roma come Termini, Eur e Parco del Ninfeo, anche maschile. Sono per lo più ragazze straniere, sfruttate da bande organizzate di criminali per lo più di nazionalità Rumena, Albanese e Nigeriana.

Dalla Salaria alla Cristoforo Colombo, dall’Aurelia alla Prenestina, praticamente tutte le strade principali che collegano il raccordo anulare al centro di Roma sono territorio abusivo usato dai “protettori” per trarre profitto dalle sexual workers, affittando loro metri di asfalto dove farle attendere i clienti.

La divisione delle prostitute sul territorio è soprattutto in base alla nazionalità: se le italiane sono insediate prevalentemente su via Aurelia (Maccarese), via Ostiense e via Appia, le africane vengono collocate prevalentemente sulla via Tiberina, via Prenestina, via Aurelia e via Collatina; praticamente ubiquitarie le prostitute che vengono dall’Est Europa. Le asiatiche più che su strada vengono sfruttate all’interno di finti centri massaggi per prestazioni sessuali “low cost”.

Impossibile negare che il flusso migratorio abbia aumentato la quantità di giovani donne sfruttate, e sempre più difficili da reinserire in un tessuto sociale via via sempre meno tollerante.

Dai bordelli della Libia alle strade di Roma, non solo donne, ma anche transessuali entrano in maniera inconsapevole, o consapevole, all’interno della rete dei trafficanti di esseri umani.

I gruppi criminali nigeriani sono particolarmente attivi in Campania [[i]], tra le armi a loro disposizione per soggiogare le loro schiave, fanno la parte del leone i riti ju-ju [[ii]], molto simili al voodoo. La credenza di derivazione animista del ju-ju è particolarmente diffusa in Africa occidentale, soprattutto in Paesi come la Nigeria, ed è molto difficile convincere le ragazze a liberarsi da questa credenza.

Il Dipartimento per le Pari Opportunità ha attivato il numero verde anti-tratta nazionale 800 290 290: un servizio telefonico gratuito, attivo 24 ore su 24, in grado di fornire alle vittime tutte le informazioni sulle possibilità di aiuto e assistenza che la normativa italiana offre per uscire dalla situazione di sfruttamento. 

Il comitato per i diritti civili delle prostitute Onlus, in associazione con il progetto INDOOR del programma Europeo Daphne III, ha inoltre pubblicato una brochure in sei lingue contenente informazioni utili per le lavoratrici/ori che si trovano nei Paesi Europei, con l’obiettivo di tutelare la sicurezza delle lavoratrici e lavoratori del sesso.  Vai al link http://www.lucciole.org/content/view/671/21/

Altre risorse utili sul web per fronteggiare questo fenomeno, le troviamo sul sito http://www.services4sexworkers.eu/s4swi/services/ dove vengono riportati i servizi sanitari, sociali e legali disponibili sui diversi territori nazionali.

AUTORE DELL’ARTICOLO: Dott. Marco Matteoli, medico chirurgo, specialista in diagnostica per immagini e medico volontario della Croce Rossa Italiana. Attualmente studente di cooperazione internazionale e sviluppo presso l’università di Roma “Sapienza”.

Contact: marcomatteoli@email.it;  http://lamedicinadellapoverta.com; http://facebook.com/lamedicinadellapoverta  

[i] Carrisi, G. (2011). La fabbrica delle prostitute. ed. Roma: Newton Compton.

[ii] It.wikipedia.org. (2018). Juju (Africa Occidentale). [online] Available at: https://it.wikipedia.org/wiki/Juju_(Africa_Occidentale)

Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Società

Luca Podda: “Ho cambiato vita ma il ring resta al centro di tutto”

Il pugile ex campione italiano ora negli Usa alla vigilia del prossimo match che si terrà in agosto in Florida

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

“Ho deciso di venire negli Stati Uniti, mi alleno sotto la guida di Jorge Rubio, un cubano che vive a Miami e che ha allenato un fuoriclasse come Teofimo Lopez. Ho modificato le mie abitudini, ma soprattutto ho cambiato vita. Adesso che ho 33 anni sono sicuro che batterei me stesso a venti…”.
Sono parole del pugile italiano Luca Podda, già campione italiano ora impegnato negli Stati Uniti, raccolte da Luigi Panella e estratte da un’ampia intervista recentemente apparsa su Repubblica.it.

Podda ha recentemente battuto il messicano Roman Delgado a Cancun in Messico: “Non posso negare – spiega lo stesso Podda nella stesa intervista – che all’inizio ero un po’ teso, i messicani a casa loro incutono un certo timore. Però a conti fatti, e non solo per un bel gancio sinistro che mi ha permesso di vincere alla prima ripresa, è stata una esperienza bellissima. Sono rimasto positivamente impressionato dall’ambiente, dalla gente”.
Luca vive con la moglie Valeria a Hollywood, una località praticamente attaccata a Miami: “Ho iniziato un percorso di insegnamento dell’autodifesa. In Italia vedevo nei parchi molte signore e bambini che apprendevano lezioni di pugilato e ho esportato l’idea anche qui. Non penso sia una questione di insegnare la tecnica, l’importante è migliorare la sicurezza in se stessi, la capacità di affrontare e gestire la paura”.

Il ring resta il suo pensiero principale: “Qui si incontra il gotha della boxe. Ad esempio recentemente ho visto Tyson Fury, era in una palestra gestita da russi a svolgere una parte della preparazione per il prossimo mondiale dei massimi contro Wilder”.
La Florida come una svolta, anche nel ruolo di sparring: “Partiamo dal presupposto – prosegue Podda nell’intervista – che ci sono un sacco di palestre e in ognuna c’è almeno un campione della Top Rank (la scuderia del famoso manager Bob Arum, ndr). Sono un supermedio, mi stimano, mi cercano. In Italia mi allenavo con amici come De Carolis, Spada, Moruzzi. Qui affondano i colpi, ogni seduta è una guerra. Ho fatto i guanti con gente come Sekhniashvili, Socarras, Palmetta”.

Ma l’aspirazione è quella di essere protagonista: “Anche facendo boxe a livelli medi – conclude il nostro pugile – in Usa si campa bene. In Italia mi è capitato di dover cercare gli sponsor per crearmi una borsa”. Prossimo incontro, alla vigilia di Ferragosto: “A Orlando, sempre in Florida. Mi hanno messo in classifica, combatto per il titolo Nabf. La vittoria in Messico mi ha valorizzato”.

Continua la lettura

Società

Farmacie baluardo anticovid

Con i tamponi hanno reso sicuro il rientro a scuola e dato un efficace tracciamento pandemico della popolazione.

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

13mila tamponi gratuiti in convenzione regionale. E solo per il sano funzionamento delle scuole. E’ il dato emblematico della provincia di Arezzo che conta anche circa 50mila in regime privatistico. E’ questo il grandissimo contributo, in continua evoluzione, che la Farmacie private hanno dato, in particolare nel periodo che va dallo scorso marzo a metà giugno, per il progetto Scuola sicura, che ha coinvolto 42 Farmacie sul territorio della provincia.

Dai dati forniti da Federfarma si evince che, aggiungendo le Farmacie che per motivi logistici non hanno aderito al progetto Scuola Sicura ma che hanno comunque effettuato i tamponi in regime privatistico, si arriva invece a 57 farmacie nella provincia, quindi circa il 60% del totale della Farmacie private hanno effettuato ed effettuano i tamponi anticovid, ora decisivi anche per l’accesso alla Green card. E non solo, le stesse Farmacie hanno effettuato anche alcune migliaia di test sierologici qualitativi pungidito per accertare la eventuale presenza di anticorpiIgG-IgM in soggetti che possono essere venuti a contatto con il Covid-19.

Il presidente di Federfarma Arezzo, Roberto Giotti spiega come “per agevolare appunto lo screening sulla popolazione scolastica il piano Scuola sicura, abbiamo dato accesso gratuito ad un test antigenico rapido al mese da fare in Farmacia attraverso la sottoscrizione del modulo di autocertificazione e del consenso informato da parte dei cittadini interessati, su prenotazione e asintomatici al momento dell’effettuazione del test”.

Ecco quindi che le Farmacie sono state ancora una volta protagoniste nella lotta alla pandemia covid19. “Le Farmacie private territoriali di comunità – spiega ancora Giotti –  diffuse in maniera capillare su tutto il territorio aretino, dando seguito alla normativa nazionale e regionale, si sono quindi rese disponibili come centri di accesso prossimale, agevole e immediato, all’effettuazione dei test anti-Covid anche per favorire un efficace, sicuro quanto indispensabile tracciamento pandemico sociale”.

Continua la lettura

Società

Podda torna sul ring per conquistare l’Americas Title NBA

Allenato dal grande Rubio l’ex campione italiano prepara il match della svolta che si disputerà negli Stati Uniti ad Orlando, Florida il 14 agosto

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

La data è già fissata. L’avversario in via di definizione. Ma per Luca Podda la sfida sul ring del prossimo 14 agosto potrà rappresentare una svolta decisiva per la carriera di questo boxer, già campione italiano, che ora vive a si allena a Miami.
Appunto il 14 agosto, ad Orlando in Florida, Podda salirà infatti sul quadrato per conquistare l’Americas Title NBA per la categoria dei Massimi Leggeri, importante titolo statunitense: un obiettivo davvero decisivo che, se realizzato, porterà una cintura americana di grande valore ad arricchire il suo già importante palmares.

Il nostro pugile è infatti reduce dalla grande vittoria dello scorso 29 maggio quando ha battuto a Cancun, in Messico, Roman Delgado in un mach previsto sulle 10 riprese che è però durato molto meno, visto che il rivale di Podda è andato al tappeto al primo round fulminato dal gancio destro dell’italiano.
Ecco quindi che ora, per il nostro pugile, si aprono prospettive di grande valore, e per prepararsi al meglio al prossimo incontro, che potrebbe portargli una prestigiosa cintura statunitense, Podda ora ha scelto di allenarsi con un grande trainer di fama internazionale, Jorge Enrique Rubio.

Cubano, già allenatore della nazionale cubana e abituato a formare combattenti professionisti a Miami, tra cui Gil Reyes, Juan Arroyo e Stacey Reile, Rubio è attualmente l’allenatore anche della grande promessa cubana Hairon Socarras e dell’ex medaglia d’oro olimpica Luke Campbell.

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti