Connect with us

Economia

Banca Tema: salda la presenza sul territorio

L’Assemblea dei Soci approva il Bilancio in utile e elegge il nuovo CDA

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

“In questi mesi abbiamo rafforzato ulteriormente i rapporti con i soci e i clienti mettendoci, come sempre, al loro servizio con adeguata professionalità e disponibilità al dialogo. E’ doveroso ringraziare, a nome di tutto il Consiglio di Amministrazione, il direttore generale Fabio Becherini che ha saputo coordinare in modo eccellente il lavoro svolto, con grande competenza e senso di responsabilità”. Il presidente Francesco Carri evidenzia come, a meno di un anno dalla fusione con Banca Valdichiana, Banca Tema – che opera nella Toscana del sua (Arezzo, Siena e Grosseto) ma è presente anche in Umbria – abbia raggiunto risultati molto positivi, mantenendo salda la presenza sul territorio e confermandosi una banca autenticamente locale, profondamente radicata nelle comunità di appartenenza.

Tutto nasce dalla prima Assemblea dei Soci della nuova Banca Tema – Terre Etrusche di Valdichiana e di Maremma – Credito Cooperativo che si è riunita venerdì scorso per approvazione del bilancio d’esercizio 2021 e ha eletto i consiglieri di amministrazione, i sindaci e i probiviri.Il Consiglio di Amministrazione è così composto: Francesco Carri (Presidente), Fabio Tamagnini (Vicepresidente vicario), Giovanni Marcocci (Vicepresidente), Valter Vincio (Vicepresidente),Maria Cristina Bani, Paolo Bittarelli, Stefano Conti, Francesco Gentili, Sara Gialli, Giuliana Lanci, Eros Nappini, Alberto Paolini, Gianfranco Venturi (Consiglieri). Il Collegio Sindacale è così composto: Costanza Limoni (Presidente), Mario Morandini (Sindaco effettivo), Riccardo Palombo (Sindaco effettivo), Gian Luca Ancarani (Sindaco supplente), Federica Cocci (Sindaco supplente). Il Collegio dei Probiviri è così composto: Paolo Sanchini (Presidente), Alessandro Bertolini (Probiviro), Monja Salvadori (Probiviro), Michele Angeli (Probiviro supplente), Roberto Menchini (Probiviro supplente).Il direttore generale Fabio Becherini ha spiegato come “Nonostante l’anno appena trascorso sia stato segnato dal perdurare della pandemia, Banca Tema ha concluso il 2021 con risultati molto positivi. I principali indicatori dimostrano la solidità dell’Istituto e sono in crescita rispetto al 2020, con un utile netto di 6 milioni di euro e un patrimonio di bilancio di 147,9 milioni. Il Core Tier 1 Ratio, al 31 dicembre 2021, era pari al 17,15%, rispetto al 15,09% del 2020. Il Total Capital ratio, a fine anno, ammontava al 19,48%, rispetto al 17,22% dell’anno precedente. I crediti verso la clientela superano 1,5 miliardi di euro. La comunità di appartenenza esprime un elevato grado di fiducia nella Banca che annovera 19.915 soci e circa 80 mila clienti. Il 2021 si chiude con un segno positivo anche relativamente alle masse amministrate per conto della clientela, costituite dalla raccolta diretta, amministrata e dal risparmio gestito e assicurativo, che ammontano complessivamente a 2,67 miliardi di euro, evidenziando un aumento di 184 mln di euro su base annua (+ 7,41%). La raccolta diretta a fine anno era di 2,13 miliardi di euro, in aumento dell’8% rispetto al 2020. Molto significativo anche l’incremento della raccolta indiretta, che sale del 5,23% e raggiunge i 530 milioni di euro. Oltre due terzi sono composti da raccolta qualificata, risparmio gestito e assicurativo.

Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Le Farmacie nuove “macchine territoriali della salute

La delegazione aretina all’Assemblea nazione di Federfarma: le richieste in vista del voto

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

”Le farmacie formano una grande “macchina della salute”, un apparato professionale efficiente e di prossimità con i cittadini anche nelle aree disagiate, nei piccoli Comuni, dove operano le farmacie rurali: con l’emergenza Covid la farmacia si è di fatto definitivamente trasformata in un centro sanitario di servizi dove non si va più solo per acquistare farmaci.

E dall’Assemblea di Federfarma – una partecipatissima due giorni tenuta al Sistina di Roma giovedì 14 per la parte pubblica e venerdì 15 per quella privata – è emerso con evidenza, come spiegato dal Presidente di Federfarma Arezzo Roberto Giotti – che ha guidato la nutrita delegazione aretina che ha partecipato all’evento – che “col passaggio alla gestione dei tamponi e dei vaccini, la Farmacia si è rivelata ancora di più un presidio essenziale, indispensabile ed insostituibile del Servizio Sanitario e con grandi potenzialità di sviluppo. La farmacia è quindi ora un avamposto sanitario di prossimità del SSN, un luogo dove si può costruire la fiducia tra Cittadino e Sanità territoriale”.

L’Assemblea ha visto Federfarma proporre alle forze politiche – i cui esponenti di spicco, oltre al Ministro Speranza, erano presenti in sala o hanno partecipato in video – gli obiettivi di sviluppo del settore che sono: piena attuazione e strutturazione della farmacia dei Servizi, rinnovo della Convenzione Nazionale, un nuovo modello di remunerazione e nuove norme per rendere competitiva la Farmacia indipendente nei confronti di quelle gestite da gruppi finanziari. Sono di fatto queste le principali richieste portate all’attenzione del mondo politico. “I Titolari di Farmacia privata – ha spiegato ancora il presidente Giotti – chiedono che sia data continuità a quanto avvenuto negli ultimi anni, e che non venga perduto il patrimonio prezioso di esperienza e professionalità del farmacista, che vogliamo che resti messo a disposizione dei cittadini, dei pazienti, e che anzi venga valorizzato per le grandi potenzialità che mostra per la riorganizzazione della Sanità territoriale”.Di fatto negli anni la farmacia “ha affiancato – conclude Giotti – all’alimentata attività di dispensazione dei farmaci anche molteplici nuovi servizi: analisi sangue-urine, effettuazioni di screening per alcune malattie metaboliche (diabete, ipertensione, etc.) e tumori, prenotazione di visite specialistiche ed esami tramite CUP, somministrazione di vaccini anti-covid19, dei vaccini antinfluenzali e dei test diagnostici, tamponi covid nasali e salivari e prestazioni di telemedicina (ECG, Holter cardiaco e pressorio, spirometria) come previsto proprio dal modello della “Farmacia dei Servizi” delineato già dal Decreto Legislativo 153/2009, al quale va data assolutamente al più presto piena attuazione”.

Continua la lettura

Economia

Inarsind: inaccettabile la richiesta di asseverazioni con video

Richiesta che non ha nessun fondamento normativo e che offende i professionisti perché denota un pregiudiziale sospetto

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

Ancora gravissimi problemi in area 110%. Incredulità, stupore, e alla fine indignazione. Sono queste le reazioni prima registrate, poi ritrasmesse con la richiesta di un immediato dietrofront.

E’ la durissima reazione di Inarsind, l’Associazione Sindacale di Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti, dopo aver ricevuto le vibranti proteste dell’intera categoria rappresentata, a seguito della richiesta di DELOITTE di inserire – appunto nella Piattaforma DELOITTE, banca e cessione del credito – un video per ogni asseverazione rilasciata. La pretesa è di avere un video per singolo SAL – solo se l’intervento prevede SAL, altrimenti video nella fase di Fine Lavori – un video per singola asseverazione: Asseverazione ENEA 110%, Asseverazione Sismica 110% e Asseverazione bonus inferiori al 110%.In una perentoria lettera appena inviata da Inarsind proprio a DELOITTE, si afferma che “Si tratta di una richiesta che innanzitutto offende intere categorie di professionisti perché denota al di là di ogni reale intenzione, un pregiudiziale sospetto verso la non veridicità dell’asseverazione già prevista e che da sola dovrebbe essere considerata, come lo è per le norme che regolano la materia, sufficiente ad attestare la responsabilità del professionista. Invece si richiede che venga aggiunta la prova, trascurando che l’asseverazione non è una semplice affermazione, ma è già una Certificazione, nei modi previsti dalla legge, della verità di un fatto, di un documento, di una dichiarazione, o della conformità al testo originale di una traduzione”. “Tralasciamo prosegue il testo Inarsind – gli ulteriori oneri che dalla richiesta derivano nella conduzione dei lavori, dal momento che comunque lo si voglia vedere (è il caso di dirlo) un video a cui si attribuisce una così determinate importanza dovrà essere eseguito da personale adeguato per numero e qualifica. Non ci sembra, invece, sia da trascurare che questa richiesta giunge nuova e non prevista da alcun iniziale accordo sottoscritto tra DELOITTE e l’asseveratore, non supportata da alcuna norma che la preveda e che per i SAL emessi la reale fattibilità di quanto richiesto, ovvero confermare gli importi e gli interventi asseverati, inquadrando le lavorazioni eseguite potrebbe risultare impossibile, ponendo in serie difficoltà Professionisti e Committenti”.

“Riteniamo inoltre – insiste Inarsind – che non siano state adeguatamente valutatele le conseguenze in materia di tutela della privacy nella produzione di un video che, inevitabilmente, comprenderebbe parti di abitazioni private che, pur non oggetto di bonus sarebbero coinvolte dalle riprese”. “Vi invitiamo quindi a recedere dalla richiesta avanzata – conclude la missiva – favorendo, con ciò, gli adempimenti che gli assevera tori sono chiamati ad assolvere per la realizzazione di opere che, pur nel travagliatissimo percorso che ne ha contraddistinto l’attuazione, consideriamo di utilità per l’intero Paese”.

Continua la lettura

Economia

Economia Green: investire nelle startup per il rispetto dell’ambiente

Greenthesis S.p.A. – attraverso aumento del relativo capitale sociale – accresce al 60% la propria
partecipazione nella Startup innovativa Carborem S.r.l.

Redazione Foritalynews

Pubblicato

il

Progettare e realizzaree impianti per la riduzione e valorizzazione degli scarti organici e per il trattamento delle acque reflue in aziende pubblico/private è la missione della Carborem S.r.l., Startup innovativa avente sede a Rovereto (TN). Ora, questa startup innovativa avrà nuovi fondi a disposizione grazie al primo aumento di capitale della Greenthesis S.p.A. in quanto società neo partecipata.

In un comunicato la Greenthesis ha reso noto che “tale operazione, per effetto della quale la quota partecipativa di Greenthesis S.p.A. nel capitale sociale della Startup è cresciuta dal 45% al 60%, rappresenta il primo di tre step consequenziali che determineranno, nell’arco di 3 anni, l’incremento della partecipazione sino al 70%”.


Il controllo della Startup consentirà a Greenthesis S.p.A. di integrare e promuovere al meglio la tecnologia Carborem in coerenza con i piani di sviluppo finalizzati ad ampliare i servizi ambientali sul mercato di riferimento, realizzando impianti innovativi industriali per il trattamento dei fanghi di depurazione, digestati e rifiuti organici ed implementando, al contempo, l’attività nel settore delle bio-energie.

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti