Connect with us

Società

Fuori ovunque “Miracoli e Rivoluzioni”, il nuovo album dei Foja

Dall’8 aprile, su tutte le piattaforme musicali, è possibile ascoltare il nuovo album della band folk-rock napoletana

Giulia Cardillo Piccolino

Pubblicato

il

L’album “Miracoli e Rivoluzioni” si compone di 12 tracce ed è frutto del lavoro sinergico tra membri della band e voci note del panorama musicale italiano come quella di Clementino, Davide Toffolo, Enzo Gragnaniello.

Difficile definire il genere dell’album, anche a detta dei suoi ideatori, essendo questo un incontro tra il suono folk, proprio della band, e l’elettronica, il rap, le ballate acustiche, con incursioni di musica rock e pop. La stessa diversità tra gli artisti che hanno collaborato in varie tracce dell’album, conferma la volontà dei suoi autori di non cristallizzare la loro arte in una categoria rigida.

Lo sostengono i membri del gruppo in un’intervista di The Soundcheck, nella quale dichiarano che il loro progetto musicale “ha da sempre messo al centro delle proprie opere la contaminazione e con ‘Miracoli e Rivoluzioni’ ha continuato su questa scia”.

“Lo facciamo in maniera libera” afferma Dario Sansone, cantante e chitarrista del gruppo “Ogni canzone ha un suo vestito. Partiamo sempre dalla canzone, ma la evolviamo, la sporchiamo con altre sonorità, altre esperienze”.

Tuttavia i brani non tradiscono il legame con la tradizione folk napoletana e tantomeno lo fanno con la lingua napoletana, nella quale sono scritti tutti i testi.

E se sul piano formale l’album non mira alla coerenza, scegliendo di non attenersi ad un unico genere musicale, anche i contenuti dei testi non si interessano di fornire soluzioni bensì di sollevare domande.

I due temi conduttori, tra loro antitetici, sono i Miracoli, eventi che trascendono la sfera razionale e vanno oltre la comprensione umana, e le Rivoluzioni, azioni che richiedono il necessario intervento umano.

Pertanto la sfera emotiva e sentimentale, dominante in alcune canzoni lascia il passo a tematiche sociali in altre.

Sarebbe interessante rileggere il binomio “Miracoli e Rivoluzioni” in un contesto come quello che stiamo vivendo attualmente dove la pace da tutti agognata, è attesa come un evento fuori dalle nostre forze, appunto un miracolo ma che dipende dalle sole volizioni degli uomini. La stessa canzone di apertura, dal titolo “Nonn’ è Ancora Fornuta”, sembra rifarsi profeticamente a quanto sta succedendo, denunciando che “ ‘A terra è comme ‘a musica, nunn’è e nisciuno”.

Chi sono i Foja?

Il gruppo, nato nel 2006 per iniziativa dell’attuale frontman Dario Sansone, porta sulla scena musicale contemporanea un nuovo sound che si colloca nel punto di incontro tra tradizione e innovazione.

La band folk-rock napoletana ha pubblicato tre album prima dell’uscita di “Miracoli e Rivoluzioni”: “La storia Nova, “Dimani Torna ‘O Sole”, e infine “O Treno che va”.

“Il nuovo disco che ha avuto una gestazione lunghissima” afferma sempre il frontman riconducendo l’inizio del loro duro lavoro al 2017, lavoro che due anni fa, con lo scoppio della pandemia, ha cambiato volto, arricchendosi di canzoni scritte proprio in quel frangente anche nel loro modo di lavorare.

Ne risulta un album eterogeneo, che coniuga la tradizione e l’innovazione, denso di contenuti e di riflessioni, destinato ad un pubblico ugualmente vario.

Programmate una serie di Showcase per presentare al pubblico il disco. Le ultime sono previste il 6 maggio presso la Libreria Mondadori – Pontecagnano (SA) – Via Marconi, 45 – Ore 19:00 e il 7 maggio presso il Chiostro degli Eremitani di Sant’Agostino – Buccino (SA) – Via Oleiros 24 – Ore 19:30

Interviste

La libertà di essere Fiorello

«La preoccupazione è che io non riesca a tradurre quello che ho in testa. Come un regista cinematografico: i copioni sono sempre meravigliosi, poi però il film non è mai come il copione»

Redazione Foritalynews

Pubblicato

il

di Gino Morabito

Talento cristallino, stile inimitabile, orgogliosamente siculo. Con un’età anagrafica di sessantadue e percepita di quaranta, “il Mattarella dell’intrattenimento” è capace di animare, cantare, presentare, condurre, recitare, imitare.

Lo fa attraverso improvvisazioni ed esperimenti scenici, invenzioni mimiche, incursioni di ospiti a sorpresa, una scaletta musicale fluida e l’innesto di momenti di spettacolo fuori copione: è questa la libertà dello showman più famoso d’Italia.

Aveva dichiarato di volersi ritirare a sessant’anni. Fortunatamente per noi, Rosario Tindaro Fiorello detto Ciuri quel giro di boa l’ha superato, tornando mattatore al calore del suo pubblico.

Altri tempi.

«Per me il momento più bello della vita erano quei quindici minuti della ricreazione, era andare al cinema il pomeriggio con gli amichetti, era aspettare la più bella della terza C per poterla vedere quando usciva da scuola.»

Catanese di nascita e cresciuto ad Augusta in provincia di Siracusa.

«La Sicilia non mi ha tolto nulla, anzi mi ha dato tutto quello che sono oggi.»

A metà degli anni Settanta, gli amici parlavano del “villaggio” con toni mitologici.

«“Non è un albergo, ci sono le capanne, non c’è il direttore, ma ‘u capovillaggio e la sera ballano tutti nudi, scalzi, con i parei, le tette di fuori, la marijuana libera. Hai presente Vuudstocche?”. Alla fine fui assunto. Dopo aver venduto le verdure in mezzo alla via, aver fatto il muratore, il meccanico e anche il telefonista in una ditta di pompe funebri, il villaggio era un bel salto. Quelli che mi vogliono denigrare dicono “viene dai villaggi”. Ma io so che se non ci fosse stato il prima, non ci sarebbe stato neanche il dopo. Il villaggio è stata la mia scuola.»

“Permaloso e rancoroso” con quella riluttanza ad accettare le critiche.

«Sono fatto così: ti posso piacere o meno, tu sei libero di dire ciò che vuoi, io di non fare più un varietà. Poi i tempi sono cambiati e non è detto che ciò che andava bene ieri vada bene anche oggi. Vedo gente che con il 22 per cento di share stappa lo champagne. Noi arrivammo al 63. Quanto dovrei fare ora per non deludere le aspettative?»

Lo spettacolo per lo spettacolo.

«Una volta ho fatto uno show senza pubblico, c’erano due persone. A Fiuggi, durante la finale del Grande fratello 1, non venne nessuno: parlavo con le sedie e i faretti. Con una o con tremila persone è uguale. Per me l’importante è fare spettacolo. Accadrà finché vivrò, perché sono riuscito a smettere di fumare ma non riesco a smettere di pensare al mio mestiere. La tivù è un’altra cosa. È il meno veritiero dei mezzi con cui mi esprimo. Il più irregimentato.»

Radio sì, ma solo se c’è l’idea buona.

«Mi diverto come un pazzo… La radio è sempre quella, musica e parole, è una cosa che per assurdo non esiste. Cerco di far capire che l’età non conta. Che se hai delle idee, anche a cinquant’anni, come faceva Arbore, puoi incontrare il pubblico più giovane di te.»

La pigrizia di uno sperimentatore.

«Io sono più di pigro.Sono uno da divano, mi piace stare a casa con le mie figlie e con Susanna. Vedo programmi condotti per quindici, venti, trent’anni dalla stessa persona, anche di successo. Mi chiedo “come fanno a fare sempre lo stesso programma?”. Io non sono così, non ce la faccio. Negli anni ho fatto massimo quattro puntate dello stesso programma, poi sono andato sul web, quindi su Sky, poi sono tornato in Rai.»

La voglia di stupire, l’ansia da prestazione, le riunioni infinite… e poi la paura.

«La preoccupazione è che io non riesca a tradurre quello che ho in testa. Come un regista cinematografico: i copioni sono sempre meravigliosi, poi però il film non è mai come il copione.»

Dal copione al cinema il passo è breve.

«A Riposto, in Sicilia, dove abitavo, vicino alla caserma in cui lavorava mio padre, appuntato di guardia di Finanza, c’era un cinema, il Musmeci. A cinque anni stavo da solo in sala, dalle 16 alle 20 a vedere i film epici. Ero innamorato della forza bruta. Per un bambino era tutto vero: i massi di polistirolo sollevati in alto, le botte e invidiavo i gonnellini disegnati da Sabrina Salerno. “Un giorno vorrei essere come loro”, mi dicevo. Ma non ci sono evidentemente riuscito (tra il serio e il faceto, N.d.R.).»

Un animale da palcoscenico che si fa salire la febbre del sabato sera.

«Quella di John Travolta ne “La febbre del sabato sera” è la camminata più bella della storia del cinema mondiale, un capolavoro. Ne rimasi abbagliato. Ricordo ancora la fila alla sala di Augusta. Il giorno dopo dicevo a mia madre: voglio andare a fare la spesa. Poi con le buste in mano iniziai a camminare come lui per la strada principale della città, via Principe Umberto. Quando è venuto ospite al mio spettacolo su Raiuno, Stasera pago io, mi disse che ricordavo i passi meglio di lui.»

Ricorda l’esordio in Cartoni animati dei fratelli Citti.

«Lo girammo a Fiumicino e ogni sette secondi passava un aereo. Così dovemmo ridoppiare tutto, anche i molti personaggi che non potevamo certo andare a cercare. Io diedi la voce a ben sette persone. Ma quel film per me è vera poesia.»

E poi Il talento di Mr. Ripley del Premio Oscar Anthony Minghella.

«“Ah, ma che, sei regista? E che hai fatto?”, “Il paziente inglese, l’hai visto?”, “Accidenti, ma l’hai fatto tu? Certo che l’ho visto, complimenti! Nacque così. Scrisse la scena per me ricreando quello che aveva vissuto in prima persona, Fiorello ero io, io so fare solo me. Mi ricordo ancora le battute.»

Il regista lo sceglie dopo averlo visto cantare Tu vuo’ fa’ l’americano in un locale di Capri.

«Per Ripley venni invitato agli Oscar, arrivai distrutto dopo otto ore di volo sotto Tavor. Mia moglie può testimoniare che a ogni festa cantavo “Tu vuo’ fa l’americano”, perfino con Meryl Streep, e tutti mi dicevano di restare ma io non vedevo l’ora di tornare a casa.»

Il rifiuto della proposta hollywoodiana di Harvey Weinstein, l’ex produttore americano.

«Mi chiamano per chiedermi se voglio fare un ruolo in Nine di Rob Marshall, un musical importante con la Cruz, la Kidman e Lewis. Mi mandano il copione e la mia scena doveva essere a pagina 121. Leggo e rileggo ma non trovo il mio personaggio. Alla fine mi accorgo che ero sullo sfondo come cantante italiano e decido di dire no. Allora Weinstein mi ha scritto una lettera dove diceva “come osi dire di no, non hai idea di chi sia quello a cui hai detto no, non lavorerai mai più in America.”. Capirai che mi importa! Non è il mio lavoro: è come se avessero detto a un calciatore “non giocherai mai più a basket”.»

Si sarebbe dovuto ritirare a sessant’anni, ma quel giro di boa fortunatamente l’ha superato.

«Un tempo le persone mi chiedevano gli autografi e dicevano: “È per me”. Poi siamo passati alle madri, alle zie e alle nonne. Quando arriveremo alle bisnonne capirò che è finita.»

Programmi per il futuro.

«Vorrei invecchiare, ma purtroppo non ci riesco».

Continua la lettura

Cultura

Unico, spettacolare, vibrante. Sonia Spinello dà voce a Silence

Un raffinato progetto artistico dove classica, jazz e world music si fondono per dare vita ad un sound unico

Redazione Foritalynews

Pubblicato

il

di Gino Morabito

Dal virtuosismo compositivo, l’eleganza interpretativa e la classe innata di Sonia Spinello e Roberto Olzer nasce “Silence” (Abeat Records), con la collaborazione di Eloisa Manera e Daniela Savoldi. Tra versioni squisitamente strumentali e melodie che si sposano mirabilmente alle corde vocali della talentuosa performer, prende vita un raffinato progetto artistico dove classica, jazz e world music si fondono per dare vita ad un sound unico.

“Ti ascolto, mio silenzio assordante, nella confusione che crea la mia mente. Ricerco il prezioso mistero. L’immenso e infinito miraggio di una sconfinata luce che indica il cammino ambito.”

“Silence” è una filosofia. È un modo di comunicare, di giungere nel profondo sentire di ognuno. Uno spettacolo dove l’ascoltatore verrà condotto in una bolla spazio-temporale. “Silence” è un nuovo mondo sonoro dove perdersi negli echi vibranti di voci e strumenti che cantano e raccontano silenzi e storie per poi ritrovarsi immersi in una trama narrativa di delicata bellezza. Dodici tracce che affiorano tra la virtuosa sperimentazione e l’estasi compositiva: Intro, Silence, Attimi, Break up, Softly, Mare, Consequences, Heimweh, Ascoltare, Rain, Tell me, Silenzio.

“Silence” è un concetto. Un lungo istante dove ogni musicista si esprime con le proprie esperienze, con il proprio linguaggio. Un album nel quale la voce di Sonia Spinello ci conduce magistralmente in quel luogo eletto dove la musica diventa sublime forma di comunicazione e le mani del pianista Roberto Olzer danzano leggere sui tasti che sprigionano secoli di melodia. Vibrano le corde del violino di Eloisa Manera e si espande il suono, come echi lontani e avvolgenti che permeano in profondità. Scorrono le dita di Daniela Savoldi lungo il corpo del suo violoncello come una carezza, pennellate sonore che dipingono quadri mai “uditi” prima. Unico, spettacolare, vibrante. Tutto questo è “Silence”.

“Non far caso a me, io vengo da un altro pianeta. Io vedo ancora orizzonti dove tu disegni confini” Frida Khalo

Biografia

Sonia Spinello ha sempre cantato, passando attraverso diversi generi, dal rock al blues, dal soul al funk, per approdare al jazz. Il suo modo di esprimersi racconta il suo trascorso, il suo vissuto. Come spesso accade ha iniziato molto giovane, nei garage con una band di amici, aveva quattordici anni. Le prime cover di Jimi Hendrix, Janis Joplin, e poi Donny Hattaway e Stewie Wonder. Ha studiato tecnica lirica, canto jazz e moderno, approfondendo successivamente il metodo di Seth Riggs (speech level singing). Centro Jazz di Torino, Istituto musicale “Baravalle” di Fossano, Siena Jazz, Nuoro Jazz, e ancora corsi di perfezionamento e partecipazioni a seminari sulla voce parlata e cantata. Ha continuato a pensare che Billie Holiday fosse una cura per la propria anima, sentiva qualcosa di unico nella sua voce e non ha mai smesso di provare quella sensazione. Ancora oggi. Raffinatissima interprete vocale, autrice e compositrice jazz e pop, Sonia Spinello è da oltre dieci anni ospite fissa dei jazz club di tutta Italia e delle più importanti rassegne e festival. La sua produzione discografica è intensa e originale, caratterizzata da un duraturo sodalizio professionale con la Abeat Records, etichetta discografica italiana tra le più importanti nell’ambiente jazzistico. Nel maggio del 2015 viene pubblicato “Billie Holiday project”, primo disco dell’omonimo progetto con Lorenzo Cominoli e Maurizio Brunod. Ad ottobre del 2016 “Wonderland”, un omaggio in chiave jazz ispirato a Stevie Wonder. Un disco definito “raffinato e suggestivo”, che vede come ospite Bebo Ferra. Il progetto riscuote molto successo da parte della critica, sia italiana che straniera, venendo premiato in Giappone come miglior album vocale di jazz dalla rivista Critique Magazine. Nell’aprile del 2018 è la volta di “Café Society”, un tributo a Billie Holiday, e nel 2019 avviene la pubblicazione di “Sospesa”, un disco intimo e autobiografico che vede Sonia Spinello impegnata come autrice e compositrice dell’intero progetto. Sempre nel 2019 scrive, dirige e porta in scena per la prima volta “Donnae, nodi, nidi e doni”, uno spettacolo teatrale musicale, che tratta il tema della violenza sulle donne e la vede, oltre che come voce narrante, anche nelle vesti di attrice; mentre nel dicembre 2021 scrive e arrangia interamente “Noel”, un disco per sestetto vocale pubblicato con l’etichetta Dasè Soundlab.

Ancora in veste di compositrice e vocalist, ha fatto parte di un team di lavoro di produzione musicale e da oltre quindici anni si dedica alla scrittura e alla realizzazione di brani che spaziano dal pop al soul, dalla world music al jazz, alle esibizioni a cappella. Appassionata di medicina alternativa e bioenergetica, ha affiancato agli studi musicali quelli sul training autogeno, il rilassamento guidato, i chakra e la loro funzione, conseguendo la qualifica di tecnico specializzato nel metodo Henry Chenot. Grazie all’esperienza personale acquisita in oltre vent’anni di insegnamento (è scritta all’Aici – Associazione insegnanti di canto italiana) e alle conoscenze nel campo della medicina tradizionale cinese, ha elaborato una personale metodologia didattica che unisce tecnica vocale, ascolto del corpo e particolare attenzione alla postura e al respiro. Tiene regolarmene seminari e laboratori esperienziali sulla voce e sull’improvvisazione corale, corsi sulle tecniche di respirazione, meditazione e rieducazione vocale. L’attività didattica la impegna moltissimo, non solo per la quantità di allievi ma per la qualità del suo lavoro. Per Sonia Spinello ogni persona è un mondo da esplorare, conoscere e comprendere. A partire dai “suoi” ragazzi che sono fonte inesauribile di ispirazione e motivo di crescita umana e professionale. Attualmente, insieme a Lorenzo Cominoli, ricopre il ruolo di direttrice di Four Music School, con sede a Borgomanero (NO) e la mission di accompagnare nel proprio percorso di studio tutti coloro che vogliano addentrarsi nel mondo della Musica: da chi muove i primi passi fino al professionista più esperto in cerca di ulteriori specializzazioni. Nel 2022, insieme con Roberto Olzer, termina la lavorazione di “Silence”, con la partecipazione di Eloisa Manera e Daniela Savoldi. Anche per il nuovo progetto discografico prosegue la fortunata collaborazione con l’etichetta Abeat Records, pubblicando un album unico, spettacolare, vibrante.

Segui Sonia Spinello su:

Facebook: https://www.facebook.com/soniaspinello.official

Instagram: https://www.instagram.com/soniaspinello/

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEgKmX4twoW1jqyT5__z5Og

Web: https://www.soniaspinello.com/

Four Music School

http://www.fourmusicschool.it/

Daniela Savoldi

https://danielasavoldi.com/

Eloisa Manera

http://www.eloisamanera.com/

Roberto Olzer

https://robertoolzer.com/official/

Continua la lettura

Cultura

“Personalissima” in via Margutta

Le opere di Gilles Roux, Sergio Viscardi, Teresa di Sario, Tomas Mai, Francesca Trusso e Vincenzo Sangiorgio dal 7 al 17 maggio presso la Galleria Area Contesa Arte

Mario Russo

Pubblicato

il

7 maggio. Vernissage in via Margutta. È ancora la storica via romana, magica e pittoresca, a promuovere l’arte. Con una speciale cerimonia la Galleria Internazionale Area Contesa Arte, al civico 90, dà il via a una mostra assolutamente singolare. Mette in scena, infatti, per la prima volta, una mostra all’avanguardia intitolata “Personalissima”, ovvero un evento che comprende le personali di sei artisti, Gilles Roux, Sergio Viscardi, Teresa di Sario, Tomas Mai, Francesca Trusso e Vincenzo Sangiorgio. Commenti live di due noti critici d’arte, il Principe Alfio Borghese e il Maestro Internazionale di Spatola Stratigrafica, Mario Salvo. Intermezzo letterario con la presentazione del libro “Il tempo è un’invenzione della mente” della giornalista e scrittrice Manuela Minelli.

Il vernissage si apre con la presentazione delle opere dell’artista francese Gilles Roux. Una raccolta intitolata “La forma del tempo”, ispirata a un concetto del tempo non convenzionale.

“Un gioco sull’idea del tempo – lo definisce Alfio Borghese – Mondi che si sovrappongono in un indefinito spazio-tempo. Urbanistiche di un prossimo futuro. Opere psichedeliche piene di fantasia e fantascienza”.

“Quasi una cartografia – la definisce Mario Salvo – un manierismo cartografico del tempo e della sua particolare interpretazione dell’autore, a volte estesa, a volte prospettica. Carte geografiche del tempo; colori luminescenti capaci di emozionare”.

Ma la vera anima delle opere di Roux risiede, a mio avviso, nella ricerca, nel tentativo di cogliere l’essenza del tempo e nel desiderio di dargli forma, quasi materia.

Il tema del tempo si lega direttamente, e senza sforzo, al testo di Manuela Minelli, giornalista e scrittrice che propone una raccolta di poesie dal titolo “Il tempo è un’invenzione della mente”.

Una raccolta in cui presenta le mille sfaccettature del tempo e i diversi modi di viverlo, sentirlo, percepirlo come spiega e racconta lei stessa leggendo la poesia che dà il titolo alla raccolta: “Sapresti dire il tempo di quel tempo infinito di un’interrogazione di latino o storia… E quel tempo troppo breve di tuo figlio bimbo… Quanto dura un bacio tanto atteso, un frammento d’istante oppure una vita intera”.

Un tempo elastico che si accorcia o si allunga a seconda del sentire, dello stato d’animo, del contesto e delle circostanze. Un tempo che, in fondo, è solo un’invenzione della mente.

Una proposta e una sensibilità, quelle di Manuela Minelli che sicuramente meritano una lettura attenta e approfondita, ma consiglio, per rimanere in tema, diluita nel tempo e a piccole dosi per riuscire pienamente ad assorbirla e farla propria.

Tornando alle “personali”. Completamente diversa l’espressione artistica, rispetto a Roux, quella di Sergio Viscardi, detto anche Ser Giotto, nome attribuitogli, come egli stesso racconta, dal suo maestro in terza elementare. Scultore e pittore, Viscardi, propone la raccolta “Ipotesi tridimensionali”. Opere tridimensionali, appunto, che “fuoriescono” dal quadro, quasi come prolungamento del pensiero che va incontro e dialoga con chi guarda. “Un gruppo di opere pensate – afferma Viscardi – per tutta quella gente che viene sfollata a causa della guerra”.

Quello che racconta è la guerra nei suoi particolari più atroci espressi ad esempio in un missile che sfonda il muro di una casa, violandone l’intimità, o in un bambino nascosto in una cassa di munizioni con il suo ‘peluche’ come unico compagno.

“Un artista concettuale – lo definisce Alfio Borghese – che ha voluto attualizzare le sue composizioni per esprimere una ferma condanna della guerra e delle sue conseguenze”.

“Ogni opera di Viscardi – commenta Mario Salvo – dovrebbe essere senza titolo per lasciare spazio ad ognuno di darne uno proprio”.

Un’espressività immediata, a mio avviso, quella di Viscardi, che non lascia spazio al dubbio o ad alcuna forma di giustificazione, almeno in queste opere, che stigmatizzano l’idiozia della guerra.

Artista giovane Tomas Mai, che propone la raccolta “Attacchi d’aria”. Una fantasiosa miscellania di colori la sua caratteristica. Un’arte “rabbiosa” la definisce la gallerista, Teresa Maria Zurlo.

“Una pittura gestuale – la definisce Alfio Borghese – dove il colore e la vita stessa diventano gesti. Un mondo da cui, all’improvviso, possono emergere figure grottesche, volti enigmatici, maschere inquietanti”.

Mario Salvo sottolinea il dinamismo delle opere di Tomas Mai, l’impatto della luminosità e della chiarezza. “Pennellate rabbiose che, allo stesso tempo, riescono a dare trasparenza e serenità”. Un artista “emozionale”, lo definisce, dalla grande forza di comunicazione.

Caos, follia e rabbia sono le parole che, secondo Teresa M. Zurlo, riassumono le opere di Tomas Mai.

Una rabbia, un dinamismo, una forza che, a mio avviso, e come giustamente deve essere, vista la giovane età, sono ancora alla ricerca del linguaggio migliore. Un linguaggio che, mi auguro, mantenga il gioco e la fantasia di colori.

Inconfondibile l’animo e la sensibilità della raccolta successiva, “Percorsi”, proposta da Teresa di Sario, protagonista, fra l’altro, di una sensuale performance di danze orientali.

Donne che si celano e si svelano, quelle delle sue opere, definite o indefinite, ma sempre magiche. “Volti che nascondono pensieri intimi, che abitano realtà parallele – le definisce Borghese – Sguardi persi in un altrove, oppure con gli occhi chiusi per guardarsi dentro, navigare nell’anima”.

“Profili eleganti e pensanti – li definisce Mario Salvo – Tessuti pensanti e pensierosi”.

Dalla magia colorata dell’”Elfa” alle tinte azzurrognole dei profili pensanti, quella di Teresa di Sario, a mio avviso, è una proposta “riflessiva” in un doppio senso: sia perché fa riflettere sia perché riflette un animo sensibile alla ricerca di un equilibrio profondo, di un proprio centro di gravità. Una ricerca in cui chiunque può riconoscersi, perdersi o ritrovarsi.

Originale, nella tecnica, oltre che nella proposta la “Personale” della seconda presenza femminile, Francesca Trusso, che, come afferma lei stessa, dipinge esclusivamente per passione. “Intimità femminili”, il titolo della raccolta.

Occhi intensi, sguardi penetranti, quelli proposti dall’artista, che raccontano l’universo femminile, quello più nascosto, segreto, celato.

“Un cosmo misterioso e inaccessibile – lo definisce Alfio Borghese – Particolari di volti e di figure tagliati, all’improvviso, da geometrie preziose, accentuate dall’uso dell’argento e dell’oro. Preziose – afferma Borghese – sono le donne descritte, preziose le composizioni e preziosi i materiali come nelle opere in marmo che enfatizzano e intensificano i significati”.

“Una tavolozza naturale, quasi mistica” definisce i marmi Francesca Trusso, spiegandone la motivazione e l’uso. Una tavolozza impossibile da riprodurre. Da qui la scelta di portarli così come sono, con la loro natura, all’interno delle sue opere.

Mario Salvo sottolinea la raffinata e capace manualità dell’artista.

Significativi, a mio avviso, sono l’incisività e la trasparenza del suo messaggio che, se da una parte lascia spazio alla libera interpretazione, dall’altra ti propone una sua “via”. Un intreccio di misteri ed evidenze che si ripropone anche nella contrapposizione – o sodalizio – tra tinte e marmi.

Ciliegina sulla torta – a chiusura vernissage – e non solo come allusione al particolare delle labbra rosso fuoco di una delle sue opere, la personale di Vincenzo Sangiorgio dal titolo “Storie d’arte, d’amore & donne…”.

“Un quadro si fa con la tecnica – afferma Sangiorgio – poi ci metti il cuore e diventa arte”.

Soggetto e oggetto delle opere esposte sono le donne. E “le donne si vedono subito – afferma Alfio Borghese – Gli occhi che guardano ammiccanti o sognanti, o chiusi in un mondo interiore. Le donne si vedono subito nei corpi maliziosi, nei nudi, nei baci, nei gesti sensuali. L’amore – sottolinea Borghese – è in ogni pennellata, in ogni colore, in ogni tratto. L’arte racchiude e conclude. Le composizioni sono accurate e studiate anche se mantengono una loro freschezza emotiva, immediata e passionale”.

Mario Salvo sottolinea la bellezza e il fascino dei particolari. Poi commenta gli spazi lasciati che, a suo avviso, danno origine a “silenzi rumorosi”. “Sono percorsi che ognuno deve innescare, attraverso l’opera, e farli propri. Silenzi che parlano – afferma – spazi lasciati saggiamente affinché ognuno possa continuare il percorso”.

“Alla tecnica aggiungi il cuore e nasce l’arte”, afferma Sangiorgio. Ma quando il soggetto sono le donne e il loro “mondo”, come nelle opere proposte, non possono mancare – e di fatto non mancano – pennellate di profonda sensibilità insieme a un occhio attento e allo stesso tempo discreto, capace di penetrarne, indagarne ed estrarne l’indole profonda e le mille sfaccettature.

Particolare il volto di donna dipinto col vino in cui il colore cangiante e i tratti scontornati da soli raccontano i mille volti che solo la “Donna” può incarnare tutti insieme.

A conclusione la gallerista, Teresa M. Zurlo e la sorella Tina, art director, ringraziano i presenti e soprattutto gli artisti che hanno accettato, incondizionatamente, affermano, il progetto veramente ardito di “Personalissima”.

Un’esperienza sicuramente positiva. Forse penalizzate le prospettive dagli spazi contenuti e dalle luci. Ma necessità fa virtù e notevole e apprezzabile è lo sforzo della galleria di promuovere l’arte e di valorizzare opere ed artisti in un contesto come quello attuale distratto e svilente.

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti