Connect with us

Cultura

Unico, spettacolare, vibrante. Sonia Spinello dà voce a Silence

Un raffinato progetto artistico dove classica, jazz e world music si fondono per dare vita ad un sound unico

Gino Morabito

Pubblicato

il

Dal virtuosismo compositivo, l’eleganza interpretativa e la classe innata di Sonia Spinello e Roberto Olzer nasce “Silence” (Abeat Records), con la collaborazione di Eloisa Manera e Daniela Savoldi. Tra versioni squisitamente strumentali e melodie che si sposano mirabilmente alle corde vocali della talentuosa performer, prende vita un raffinato progetto artistico dove classica, jazz e world music si fondono per dare vita ad un sound unico.

“Ti ascolto, mio silenzio assordante, nella confusione che crea la mia mente. Ricerco il prezioso mistero. L’immenso e infinito miraggio di una sconfinata luce che indica il cammino ambito.”

“Silence” è una filosofia. È un modo di comunicare, di giungere nel profondo sentire di ognuno. Uno spettacolo dove l’ascoltatore verrà condotto in una bolla spazio-temporale. “Silence” è un nuovo mondo sonoro dove perdersi negli echi vibranti di voci e strumenti che cantano e raccontano silenzi e storie per poi ritrovarsi immersi in una trama narrativa di delicata bellezza. Dodici tracce che affiorano tra la virtuosa sperimentazione e l’estasi compositiva: Intro, Silence, Attimi, Break up, Softly, Mare, Consequences, Heimweh, Ascoltare, Rain, Tell me, Silenzio.

“Silence” è un concetto. Un lungo istante dove ogni musicista si esprime con le proprie esperienze, con il proprio linguaggio. Un album nel quale la voce di Sonia Spinello ci conduce magistralmente in quel luogo eletto dove la musica diventa sublime forma di comunicazione e le mani del pianista Roberto Olzer danzano leggere sui tasti che sprigionano secoli di melodia. Vibrano le corde del violino di Eloisa Manera e si espande il suono, come echi lontani e avvolgenti che permeano in profondità. Scorrono le dita di Daniela Savoldi lungo il corpo del suo violoncello come una carezza, pennellate sonore che dipingono quadri mai “uditi” prima. Unico, spettacolare, vibrante. Tutto questo è “Silence”.

“Non far caso a me, io vengo da un altro pianeta. Io vedo ancora orizzonti dove tu disegni confini” Frida Khalo

Biografia

Sonia Spinello ha sempre cantato, passando attraverso diversi generi, dal rock al blues, dal soul al funk, per approdare al jazz. Il suo modo di esprimersi racconta il suo trascorso, il suo vissuto. Come spesso accade ha iniziato molto giovane, nei garage con una band di amici, aveva quattordici anni. Le prime cover di Jimi Hendrix, Janis Joplin, e poi Donny Hattaway e Stewie Wonder. Ha studiato tecnica lirica, canto jazz e moderno, approfondendo successivamente il metodo di Seth Riggs (speech level singing). Centro Jazz di Torino, Istituto musicale “Baravalle” di Fossano, Siena Jazz, Nuoro Jazz, e ancora corsi di perfezionamento e partecipazioni a seminari sulla voce parlata e cantata. Ha continuato a pensare che Billie Holiday fosse una cura per la propria anima, sentiva qualcosa di unico nella sua voce e non ha mai smesso di provare quella sensazione. Ancora oggi. Raffinatissima interprete vocale, autrice e compositrice jazz e pop, Sonia Spinello è da oltre dieci anni ospite fissa dei jazz club di tutta Italia e delle più importanti rassegne e festival. La sua produzione discografica è intensa e originale, caratterizzata da un duraturo sodalizio professionale con la Abeat Records, etichetta discografica italiana tra le più importanti nell’ambiente jazzistico. Nel maggio del 2015 viene pubblicato “Billie Holiday project”, primo disco dell’omonimo progetto con Lorenzo Cominoli e Maurizio Brunod. Ad ottobre del 2016 “Wonderland”, un omaggio in chiave jazz ispirato a Stevie Wonder. Un disco definito “raffinato e suggestivo”, che vede come ospite Bebo Ferra. Il progetto riscuote molto successo da parte della critica, sia italiana che straniera, venendo premiato in Giappone come miglior album vocale di jazz dalla rivista Critique Magazine. Nell’aprile del 2018 è la volta di “Café Society”, un tributo a Billie Holiday, e nel 2019 avviene la pubblicazione di “Sospesa”, un disco intimo e autobiografico che vede Sonia Spinello impegnata come autrice e compositrice dell’intero progetto. Sempre nel 2019 scrive, dirige e porta in scena per la prima volta “Donnae, nodi, nidi e doni”, uno spettacolo teatrale musicale, che tratta il tema della violenza sulle donne e la vede, oltre che come voce narrante, anche nelle vesti di attrice; mentre nel dicembre 2021 scrive e arrangia interamente “Noel”, un disco per sestetto vocale pubblicato con l’etichetta Dasè Soundlab.

Ancora in veste di compositrice e vocalist, ha fatto parte di un team di lavoro di produzione musicale e da oltre quindici anni si dedica alla scrittura e alla realizzazione di brani che spaziano dal pop al soul, dalla world music al jazz, alle esibizioni a cappella. Appassionata di medicina alternativa e bioenergetica, ha affiancato agli studi musicali quelli sul training autogeno, il rilassamento guidato, i chakra e la loro funzione, conseguendo la qualifica di tecnico specializzato nel metodo Henry Chenot. Grazie all’esperienza personale acquisita in oltre vent’anni di insegnamento (è scritta all’Aici – Associazione insegnanti di canto italiana) e alle conoscenze nel campo della medicina tradizionale cinese, ha elaborato una personale metodologia didattica che unisce tecnica vocale, ascolto del corpo e particolare attenzione alla postura e al respiro. Tiene regolarmene seminari e laboratori esperienziali sulla voce e sull’improvvisazione corale, corsi sulle tecniche di respirazione, meditazione e rieducazione vocale. L’attività didattica la impegna moltissimo, non solo per la quantità di allievi ma per la qualità del suo lavoro. Per Sonia Spinello ogni persona è un mondo da esplorare, conoscere e comprendere. A partire dai “suoi” ragazzi che sono fonte inesauribile di ispirazione e motivo di crescita umana e professionale. Attualmente, insieme a Lorenzo Cominoli, ricopre il ruolo di direttrice di Four Music School, con sede a Borgomanero (NO) e la mission di accompagnare nel proprio percorso di studio tutti coloro che vogliano addentrarsi nel mondo della Musica: da chi muove i primi passi fino al professionista più esperto in cerca di ulteriori specializzazioni. Nel 2022, insieme con Roberto Olzer, termina la lavorazione di “Silence”, con la partecipazione di Eloisa Manera e Daniela Savoldi. Anche per il nuovo progetto discografico prosegue la fortunata collaborazione con l’etichetta Abeat Records, pubblicando un album unico, spettacolare, vibrante.

Segui Sonia Spinello su:

Facebook: https://www.facebook.com/soniaspinello.official

Instagram: https://www.instagram.com/soniaspinello/

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEgKmX4twoW1jqyT5__z5Og

Web: https://www.soniaspinello.com/

Four Music School

http://www.fourmusicschool.it/

Daniela Savoldi

https://danielasavoldi.com/

Eloisa Manera

http://www.eloisamanera.com/

Roberto Olzer

https://robertoolzer.com/official/

Cultura

“Ricordi dal sottosuolo” di Fëdor Dostoevskij

<>

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Libro scritto nel 1865, ricordi del sottosuolo è un libro breve, che tuttavia ho impiegato molto tempo a leggere poiché ogni pagina ha il potere di squassare l’anima, tuttavia merita di essere letto fino in fondo.

In questo libro Dostoevskij racconta, attraverso un diario, di un ipocondriaco che vive ai margini della società con sospetto e paranoia. Il sottosuolo che egli racconta rappresenta un sottosuolo che tutti potremmo sperimentare, fatto di aggressività, paura, rabbia, repressione, nichilismo, autolesionismo, anedonia, l’auto seppellirsi nel sottosuolo, fino a trarre piacere dal proprio dolore. Attraverso le pagine si legge una personalità borderline, a tratti sia sadica che masochista, la personalità di un emarginato, un uomo che sta sperimentando “la morte di Dio” attraverso una pletora di emozioni autodistruttive, le emozioni rivangate dal sottosuolo che potrebbe celarsi in ciascuno di noi. << Per quanto mi riguarda, personalmente io altro non ho fatto nella mia vita se non portare all’estremo ciò che voi avete usato portare soltanto fino a metà; voi, per giunta, avete preso la vostra viltà per buon senso, e con ciò vi siete consolati ingannando voi stessi. Cosicché io risulto perfino più vivo di voi.>>

Continua la lettura

Cultura

“Il silmarillion” di J.R.R. Tolkien

<< Esisteva Eru, l'Uno, che in Arda è chiamato Ilúvatar; ed egli creò per primi gli Ainur, i Santi, rampolli del suo pensiero, ed essi erano con lui prima che ogni altro fosse creato>>

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Libro scritto da John Ronald Reuel Tolkien, iniziato nel 1917 ed elaborato da Tolkien fino alla sua morte, che rappresenta il tronco principale da cui poi sono diramate tutte le sue successive opere narrative. In realtà questa opera è costituita da una selezione fatta dal figlio Christopher sulla base del materiale lasciato dal padre, il che rende, in molti tratti, molto difficoltosa la lettura. 

La prima parte di questo libro rappresenta la cosmogonia, la genesi, nel vero senso del termine, delle terre di Arda. Un libro difficile da riassumere, che tratta della creazione dell’universo (Ea) ad opera di Eru Ilúvatar, e delle sue emanazioni (gli Ainur); delle gesta di questi ultimi, distinti in dei (i Valar) e dei semi dei (i Maiar) all’interno dello splendido continente di Valinor, le terre immortali, ove abitano gli Dei e il popolo eletto (gli elfi) e della successiva lotta millenaria tra gli elfi della terra di mezzo assieme agli uomini, contro Melkor/ Morgoth, il più potente degli Ainur, diventato incarnazione del male, una sorta di metafora luciferina, per il possesso dei Silmaril (Tre gioielli che racchiudono in sé la luce dei due alberi della luce di Valinor, miseramente distrutti da Melkor assieme al ragno gigante Ungoliant). Si tratta della ascesa e della caduta di Numenor, l’isola che aveva il privilegio di essere vista da Valinor e di emularne lo splendore. Infine si chiude con un resoconto dei fatti sulla terza era, su quanto resta delle terre di mezzo; gli umani e gli elfi si opporranno Sauron, il più  potente dei Maiar, il creatore degli anelli del potere. 

Continua la lettura

Cultura

Toscana: rinnovato accordo per la distribuzione diretta dei farmaci

Federfarma Arezzo: il cittadino non più costretto a recarsi nei centri ospedalieri per acquisire i medicinali che troverà nella propria Farmacia

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

Perfezionata la collaborazione per la distribuzione diretta di medicinali attraverso le farmacie per il pieno sviluppo delle potenzialità della farmacia in termini di servizi al cittadino non più costretto a recarsi nei centri ospedalieri per acquisire le sue medicine. E’ stato infatti rinnovato da questo mese di luglio l’Accordo regionale per la Distribuzione diretta di farmaci del Prontuario Ospedaliero Regionale da parte delle Farmacie Territoriali eccezionalmente distribuiti anche dalle Aziende Sanitarie in Toscana.

“Un accordo – spiega Roberto Giotti, presidente di Federfarma Arezzo, che rappresenta le Farmacie private della nostra provincia – La Farmacia rappresenta infatti un luogo importante nella vita di una comunità: “Anche nei piccoli paesi – spiega Giotti – la Farmacia costituisce un punto di riferimento per le persone, gli anziani soprattutto. E’ un luogo che dobbiamo considerare come un punto di contatto strategico fra cittadini e bisogni di salute. E’ a partire da queste premesse che si raggiunto, pur in un momento di difficoltà, l’importante accordo firmato”.

“Questo accordo – approfondisce il Presidente di Federfarma Arezzo- conferma il legame primario e inscindibile tra il Sistema Farmacia, la Regione e la AUSL e rafforza e completa diversi servizi che venivano già offerti dalle Farmacie Private, grazie ad un miglioramento organizzativo che consentirà alle Farmacie di avere a disposizione un consistente ministock, senza dover fare ripetute ordinazioni, fino al 66 per cento dei farmaci di diretta distribuzione e quindi facilitare il ritiro da parte degli Assistiti senza dover ritornare più volte in Farmacia.“Ciò consentirà agli Assistiti oltre che nelle città anche nelle aree rurali o nei piccoli centri, il cui benessere è la nostra principale aspirazione -insiste Giotti- di poter accedere facilmente e prontamente ai farmaci DPC-APHT nelle Farmacie territoriali h 24 – 365 giorni/anno, senza dover far quindi faticosi, scomodi e costosi spostamenti di diversi chilometri presso le poche strutture AUSL (Farmacie Ospedaliere) per ritirare tutti i farmaci di cui hanno bisogno, prescritti dal proprio Medico di Medicina Generale o Specialista, che ora potranno trovare sicuramente nella Farmacia Privata vicino casa”.

Secondo il Presidente di Federfarma Arezzo quindi “con questo rinnovato accordo si gettano ulteriormente le basi per altri progetti che coinvolgono sempre di più le rete capillare delle Farmacie Private sul territorio: siamo e vogliamo essere sempre più un avamposto qualificato del sistema sanitario per l’assistenza territoriale, professionalmente e pienamente in grado di rispondere alle nuove esigenze della Comunità e soprattutto di quei Pazienti anziani, fragili, con patologie croniche”. “Le nostre Farmacie Private – conclude il Presidente – grazie quindi alla loro capillare distribuzione sul territorio della Provincia, alla loro prossimità che rappresentano ininterrottamente in ogni nucleo urbano e rurale, sono un riferimento importante, indispensabile ed insostituibile per tutti i Cittadini sul territorio, che oltre ad avere un ruolo sanitario di dispensazione di tutti i farmaci, di dispositivi medici e di numerosi servizi, portano un valore aggiunto di riferimento sociale, oltre ad essere fondamentali in termini di consigli ed assistenza alle persone anche e soprattutto in quei piccoli centri disagiati dove magari non esiste più nemmeno la Caserma dei Carabinieri, l’Ufficio Postale ed il Parroco”.

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti