Connect with us

Senza categoria

Inarsind lancia l’allarme sull’emergenza fondi del Pnrr in Sicilia

“La Regione si rivolga ai liberi professionisti”

Paolo Castiglia

Pubblicato

il

Inarsind lancia l’allarme sui fondi Pnrr in Sicilia. In una nota l’associazione sindacale che rappresenta ingegneri e architetti liberi professionisti parte dal fatto che “sembra essere ormai acclarato che la Sicilia è in piena emergenza per quel che riguarda l’impiego dei fondi del Pnrr. La motivazione viene continuamente indicata nella mancanza di personale tecnico presso i vari Assessorati e le Amministrazioni Locali”.

E spiega: “Non da oggi la mancanza di progettazioni rappresenta il vero tallone di Achille che non ha consentito il pieno impiego dei fondi comunitari e oggi rischia seriamente di non permettere di intercettare tutti i fondi del Pnrr che sarebbero nella effettiva disponibilità della Sicilia”.

Poi denuncia: “A fronte dell’ennesimo tentativo messo in opera da parte dell’Assessorato ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana che, per far pronte alla carenza di personale, ha emanato due bandi finalizzati a creare un elenco di pensionati da cui attingere per svolgere le attività di responsabile unico del procedimento ed in un secondo momento anche di direttore dei lavori e che pare non avere dato gli esiti sperati, si trascura l’apporto che può essere fornito dai Liberi Professionisti Architetti e Ingegneri e l’affidamento all’esterno dei servizi di Architettura e Ingegneria”.

E conclude: “Ci risulta di un forte coinvolgimento in altre parti del Paese dei liberi professionisti per i servizi tecnici connessi al Pnrr; lo stesso non possiamo dire in Sicilia. Confidiamo che il nuovo Governo Regionale voglia prendere in seria considerazione il coinvolgimento dei Liberi Professionisti e per questo nei prossimi giorni Inarsind chiederà un incontro all’Avv. Maria Mattarella che il Presidente Schifani ha posto a guida dell’apposita cabina di regia per il Pnrr”.

Continua la lettura
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Senza categoria

Only Fans e la monetizzazione della solitudine

La piattaforma dai contenuti espliciti che nel 2022 conta 130 milioni di utenti e un fatturato di più di 5 miliardi di dollari divisi tra i suoi creators

Marco Matteoli

Pubblicato

il

La solitudine e la frustrazione sono sempre state un motore di reddito per l’industria del porno e del sexual working, con una clientela per la stragrande maggioranza maschile (⅘ dei consumatori).

Negli ultimi anni anche i social network si sono inseriti prepotentemente nel business della solitudine, e nell’ultimo periodo a fare la parte del leone è la piattaforma chiamata “Only Fans”.

Only Fans è una piattaforma online che consente a chiunque di inserire i propri contenuti (foto, video, corsi, podcast etc), che con una quota di abbonamento compresa tra i 5 e i 20 dollari al mese diventano prontamente accessibili. Con un supplemento o con abbonamenti multilivello c’è anche la possibilità di accedere a video e messaggi personalizzati. Nel 2022 conta 130 milioni di utenti e un fatturato di più di 5 miliardi di dollari divisi tra i suoi creators.

La piattaforma è, a differenza di Instagram, Twitter e YouTube,  dominata da contenuti per adulti, poiché è l’unica a consentire la nudità esplicita. Questa peculiarità la rende una scelta particolarmente appetibile non solo per le creatrici amatoriali, ma anche per le sexual workers che intendono autoprodurre video ed ottenere anche una fonte di reddito on-line. Si stima che la ex porno attrice Mia Khalifa guadagni 6,42 milioni di dollari al mese attraverso questa piattaforma.

A differenza dell’ industria del porno tradizionale, l’utente che si iscrive, per la maggior parte di genere maschile, non ha la possibilità di visionare le performance di differenti attrici e attori, ma solo di un singolo creator, che ha la facoltà di determinare in libertà i prezzi per ogni tipo di contenuto, e dei instaurare con l’utente un rapporto più intimo.

Nel 2020 c’è stata una crescita massiccia di interesse per questa piattaforma, i motivi sono molteplici: l’isolamento sociale, la possibilità di smart working, ma anche perché quell’anno PornHub ha dovuto eliminare circa l 80% dei suoi video a seguito di alcune segnalazioni di contenuti pedopornografici. Tutto questo ha fatto sì che nel 2021 Only Fans diventasse ancora più popolare.

Un rischio presente in tutti i social network, ma su only fans particolarmente insidioso, è quello di offrire connessioni sociali fin troppo semplificate a persone che normalmente avrebbero una fisiologica difficoltà a intavolare una conversazione con l’altro sesso. Nel caso degli uomini, è stato coniato un termine specifico nella subcultura digitale: il “simp”, ovvero colui che (uomo) è giudicato in una posizione di inferiorità nei confronti della persona per cui prova attrazione e che, occasionalmente, viene sfruttato da quest’ultima.

Come per altri social, anche i contenuti di Only Fans suscitano appunto l’illusione che ci sia una connessione personale con lo spettatore, traendo profitto da questa non-relazione tossica, che in taluni casi, può determinare vere e proprie dinamiche di sussistenza economica e danni psicologici, soprattutti tra individui psicologicamente fragili, o semplicemente ingenui.

La Cornell university ha recentemente condotto una indagine tra un campione di creatori di contenuti su Only Fans di età superiore a 29 anni e composto da 12 donne, 3 uomini, 8 non binari e 3 transgender, circa le motivazioni che li abbiano spinti a diventare content creators.

Lo studio riporta che i creatori di contenuti su Only Fans sono motivati da:

1) visibilità e il senso di accettazione da parte della community;

2) i potenziali guadagni, che possono essere un’alternativa altre forme di lavoro;

3) il desiderio di esprimere la propria sessualità in modalità digitale;

4) creators che hanno già a disposizione dei contenuti ed una audience, che permette loro una più rapida e proficua monetizzazione;

5) fattori pandemici, come incremento del tempo libero, incremento della sicurezza che concerne il lavoro Smart e la perdita di altre forme di introito economico.

Un altro studio della drexel university suggerisce che circa il 85% degli adulti crea e condivide contenuti sessuali, come messaggi di testo, immagini e video, per i creators su Only Fans è semplicemente l’opportunità di organizzare e monetizzare questi contenuti in un modo proficuo.

Fonti web:

1) https://arxiv.org/abs/2205.10425

2) https://drexel.edu/news/archive/2015/august/sexting-study

Continua la lettura

Senza categoria

Squadrismo digitale contro la pagina della Federazione Italiana Pediatri

Oltre 5000 commenti no-vax nel giro di poche ore per un post di informazione vaccinale, ma dietro tutto questo sembra esserci un attacco mirato ed organizzato

Marco Matteoli

Pubblicato

il

Un vero e proprio raid, quello subito dalla pagina Facebook FIMP – Federazione Italiana Medici Pediatri, che nel giro di 48h si è ritrovata sommersa da quasi 5000 commenti da parte di altrettanti no-vax, che pare non abbiano gradito la campagna informativa a favore delle vaccinazioni in età pediatrica.

Nella maggior parte dei casi, i commenti si sono limitati a stressare la già più volte smentita bufala sulle correlazioni tra vaccini e autismo, altre volte hanno mostrato veri e propri attacchi, alla classe medica in generale, o verso gli amministratori della pagina nel particolare.

Un esempio di commento stilato sulla pagina è il seguente (si riporta nel modo esatto in cui è stato scritto):

“Siete un’associazione collusa con gl’interessi delle multinazionali del farmaco, cosa non fate per un viaggio premio alle Maldive o a Cuba. Molti di voi si accontentano di qualche computer o dell’ultimo modello di smartphone in regalo, voi che senza alcun scrupolo e senza cognizione scentifica vaccinereste pure la vostra anima al diavolo. Siete un’associazione da abolire immediatamente.”

Oppure questo:

“la Libertà è sacra, quindi chi vuole fa e chi non vuole non fa… e tutto questo per rispetto ad ogni scelta…. le scelte non devono essere poi oggetto di “ricatti” “imposizioni” spacciate come ormai conosciamo bene: per il tuo bene… chi impone non ha nulla da spartire con: il tuo bene…CONSAPEVOLEZZA!!!!!”

I commenti, come è chiaro, non sono stati postati solo da un gruppo di persone spinte a manifestare la propria libertà di espressione, ma da una organizzazione che ha deliberatamente indirizzato 5000 commenti di questo tipo.

L’amministratore del gruppo FIMP – Federazione Italiana Medici Pediatri, in un post pubblico sulla pagina ha dichiarato quanto segue:

<<Da ieri pomeriggio la nostra Pagina è dentro il mirino dei no vax, che hanno condiviso alcuni nostri post nei loro gruppi e nelle loro bacheche in una deprimente “chiamata alle armi”. A centinaia si stanno riversando con insulti, diffamazioni e minacce, che il nostro consulente legale sta raccogliendo per procedere con una denuncia alla Polizia Postale come da art. 595 del Codice Penale.
Per Facebook ovviamente è tutto regolare, e suggerisce al massimo di cancellare i nostri post. No, non lo faremo. Noi non ci arrendiamo ai leoni da tastiera laureati su YouTube o indottrinati sui forum. Noi lavoriamo nella vita reale e nella più grande emergenza sanitaria nella Storia siamo in prima linea per la salute dei bambini. Chi nello stesso tempo impiega le sue ore a sabotarci merita la sola attenzione del nostro avvocato. E della nostra squadra social, che lentamente sta ripulendo dall’immondizia la Pagina.
Ci scusiamo con chi ci segue per lo spettacolo al quale deve assistere, presto tutto tornerà alla normalità.>>

Non è la prima volta che si verificano episodi simili, anche Vasco Rossi è stato vittima della stessa dinamica qualche tempo fa, allo stesso modo di divulgatori online come David Puente e lo Youtuber Barbascura X, finiti entrambi nel mirino di una cosiddetta “shitstorm” (letteralmente “tempesta di sterco”).

Come rilevato anche nella trasmissione “le iene”, gli autori di queste shitstorm si organizzano in gruppi sulle varie piattaforme social, come whatsapp, telegram, facebook, che sono spesso privati o invisibili. Il loro fine è coordinarsi, raggrupparsi e indirizzare gli attacchi, parliamo dunque di vere e proprie forme di squadrismo online.

Non bisogna mai dimenticare che, nonostante le piattaforme social possano dare l’impressione dell’anonimato della de-responsabilizzazione, in realtà le conseguenze penali per diffamazione, incitamento all’odio o minacce sono comunque perseguite, e se è vero che manifestare la propria opinione è un diritto, rispettare le regole della convivenza civile è un dovere, sia nella vita offline che su quella online.

Link al post incriminato:

https://www.facebook.com/federazioneitalianamediciepediatri/photos/a.1593864770899822/2764075447212076/

Continua la lettura

Senza categoria

In fuga dalla città

Video intervista a Fabrizio Sulli: Il ritorno alla natura

Collaboratori occasionali

Pubblicato

il

Continua la lettura
Advertisement

Facebook

Tweets

Siti partner

I più letti